Scadenza permesso di costruire, SCIA, DIA, CILA: quando è possibile ottenere una proroga?

Scadenza permesso di costruire, SCIA, DIA, CILA, quando si può chiedere la proroga. La proroga straordinaria prevista dal decreto del Fare

Il regime dei titoli abilitativi edilizi necessari per la realizzazione di nuove costruzioni o per eseguire interventi sugli immobili esistenti (permesso di costruire, SCIA, SCIA alternativa, CIL e CILA) è definito a livello nazionale dal dpr 380/2001 (testo unico edilizia).

I titoli abilitativi, permesso di costruire, DIA, SCIA, CIL e CILA, hanno una durata limitata nel tempo.

Tuttavia, esistono casi in un cui è possibile chiedere una proroga per l’inizio o l’ultimazione dei lavori.

Durata e proroga dei titoli abilitativi: il quadro normativo nazionale

Di seguito analizziamo la durata e la possibilità di proroga per i diversi titoli abilitativi previsti dal testo unico.

Permesso di costruire, scadenze e proroghe

L’art. 15 del dpr 380/2001 disciplina l’efficacia temporale e la decadenza del permesso di costruire; il comma 2 indica i termini per l’inizio e l’ultimazione dei lavori:

  • inizio lavorientro 1 anno dal rilascio del titolo
  • fine lavori: entro 3 anni dall’inizio dei lavori
  • proroga: è prevista la possibilità di richiedere una proroga. La richiesta deve avvenire anteriormente alla scadenza dei termini di inizio e fine lavori.

La proroga deve essere concessa necessariamente qualora i lavori non possono essere iniziati o conclusi per iniziative dell’amministrazione o per fatti sopravvenuti estranei alla volontà del titolare del permesso, quali:

  • mole dell’opera da realizzare
  • particolari caratteristiche tecnico-costruttive dell’opera
  • difficoltà tecnico-esecutive emerse successivamente all’inizio dei lavori
  • finanziamenti di opere pubbliche previsti per più esercizi finanziari

In tutti gli altri casi la proroga è discrezionale, ossia deve essere valutata caso per caso dall’amministrazione comunale e concessa con provvedimento motivato.

DIA, scadenze e proroghe

In merito alla DIA (Denuncia di inizio attività), l’art. 23 del dpr 380/2001 stabilisce i seguenti termini:

  • inizio lavori: entro 30 giorni dalla presentazione della DIA
  • fine lavori: efficacia di 3 anni dall’inizio dei lavori
  • proroga: in caso di omessa conclusione dei lavori oggetto della DIA, la parte di intervento non ultimata è soggetta a una nuova denuncia (art. 23 comma 2).

SCIA, scadenze e proroghe

Ai sensi dell’art. 19 della legge 241/90 e 22/23 bis del dpr 380/2001, la segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) ha la seguente durata:

  • inizio lavori: immediatamente dopo la presentazione della SCIA o successivamente all’acquisizione dei relativi atti di assenso e pareri
  • fine lavori: non è espressamente specificato il termine (né dal testo unico né dalla legge 241/90). Tuttavia, avendo la SCIA sostituito la DIA, si fa genericamente riferimento al relativo termine di efficacia pari a 3 anni
  • proroga: non è possibile richiedere una proroga. La realizzazione della parte non ultimata di intervento è subordinata a nuova SCIA

CIL/CILA: inizio e fine

La durata dei termini nel caso di comunicazione inizio lavori (CIL) e comunicazione inizio lavori asseverata (CILA) è stabilita dagli artt. 6 e 23 bis del dpr 380/2001:

  • inizio lavori: immediatamente dopo la presentazione della CILA o CIL o successivamente all’acquisizione dei relativi atti di assenso e pareri
  • fine lavori: non è fissato a livello nazionale un termine di legge per CIL e CILA
  • proroga: non è prevista a livello nazionale, non essendo prevista la scadenza

La proroga straordinaria prevista dal decreto del Fare

L’art. 30 della la legge 98/2013, di conversione del dl 69/2013 (decreto del Fare), ha introdotto alcune misure per fronteggiare la crisi nel settore delle costruzioni.

In particolare, è stata prevista:

  • una proroga di 2 anni dei termini di inizio e fine lavori dei titoli abilitativi rilasciati o comunque formatisi prima del 22 giugno 2013 (entrata in vigore del dlgs 69/2013)
  • una proroga di 3 anni per le convenzioni di lottizzazione

Entrambe le proroghe sono applicabili dal 21 agosto 2013 (entrata in vigore della legge 98/2013).

Si tratta di una proroga straordinaria che si differenzia dalla cosiddetta proroga ordinaria prevista all’art. 15 del dpr 380/2001.

Diversamente da quanto previsto in via ordinaria l’interessato non dovrà presentare nessuna richiesta né specificare alcuna motivazione; non dovrà neanche attendere un provvedimento di concessione. La richiesta di proroga non è soggetta ad una valutazione discrezionale dell’amministrazione comunale ma opera di diritto e in via automatica.

Solo nel caso della proroga di 2 anni è richiesto che:

  • venga inoltrata una mera comunicazione con la quale l’interessato informi l’amministrazione comunale della volontà di usufruire della proroga
  • i termini di inizio/ultimazione non devono essere ancora decorsi al momento della comunicazione
  • i titoli abilitativi non devono risultare in contrasto con nuovi strumenti urbanistici approvati o adottati

Inoltre, nel decreto (comma 4 art. 30) viene specificato che la proroga, come introdotta dal decreto, si applica anche alle denunce di inizio attività e alle segnalazioni certificate di inizio attività.

Titoli abilitativi, il quadro normativo regionale

La proroga straordinaria dei termini di inizio e fine lavori prevista dal decreto del Fare ha ormai quasi esaurito la sua efficacia.

Alcune Regioni hanno introdotto normative autonome, più ampie rispetto a quella statale; sono previsti termini più lunghi per la durata o condizioni più favorevoli per l’ottenimento della proroga (ad esempio in Emilia Romagna, Sicilia, Umbria…).

Inoltre, in alcune Regioni è possibile richiedere la proroga anche per la DIA e la SCIA.

 

Clicca qui per conoscere Praticus-TA, il software per compilare, gestire e archiviare tutti i modelli per i titoli abilitativi in edilizia.

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

12 commenti
  1. Carlo
    Carlo dice:

    Il regolamento edilizio del mio comune prevede una diversa’efficacia temporale e la decadenza del permesso di costruire, precisamente:
    – inizio lavori: entro 1 anno dal rilascio del titolo
    – fine lavori: entro 3 anni dal rilascio del titolo
    e dette scadenze sono riportate sui P.D.C. rilasciati.
    Secondo voi quali sono i termini da rispettare?

    Rispondi
    • Nicola Furcolo
      Nicola Furcolo dice:

      Evidentemente esiste una norma regionale che stabilisce una diversa durata del titolo abilitativo. Quindi devi rispettare quanto riportato sul provvedimento rilasciato.

      Rispondi
      • Carlo
        Carlo dice:

        Il comune è sito in Regione Campania è non esiste norma regionale diversa in merito. Il problema è che il regolamento edilizio è stato approvato antedentemente all’art. 17, comma 1, lettera f), legge n. 164 del 2014, e a tutt’oggi non ancora modificato. Come regolarsi ?

        Rispondi
        • Nicola Furcolo
          Nicola Furcolo dice:

          Ciao Carlo, secondo il mio parere, dovresti innanzitutto provare a confrontarti con l’ufficio tecnico (Sportello Unico dell’Edilizia).

          Rispondi
  2. Titan
    Titan dice:

    Il mio geometra può decidere in autonomia quando chiudere la DIA? mi fa pressione ma io sarei intenzionato a tenerla ancora aperta per ultimare alcuni lavori ( recinzione e cancelli) nel giro di qualche mese.
    DIA aperta 06/16.

    Rispondi
  3. Gennaro
    Gennaro dice:

    nel caso di scadenza anche della proroga del permesso di costruire, di cui regolarmente corrisposti tutti gli oneri, come si deve procedere per un ulteriore rinnovo?

    Rispondi
    • Nicola Furcolo
      Nicola Furcolo dice:

      Se è già scaduto, occorre nuovo permesso di costruire per le opere non ancora compiute.
      Consultati con l’ufficio tecnico del Comune ove è realizzato l’intervento.

      Rispondi
  4. ROBERTA
    ROBERTA dice:

    ho esaurito il tempo necessario alla costruzione della casa, i tre anni del permesso e l’anno di proroga. Nom essendo ancora riuscita a finirla per colpa del costruttore che tergiversa. sono costretta a presentare in comune una SCIA per poter terminare i lavori. chi la deve presentare? Il mio costruttore è anche il direttore dei lavori, deve farlo lui, è pure geometra o posso presentarla io come ho presentato la domanda di proroga? Grazie se vorrete rispondermi in fede PERUZZO ROBERTA

    Rispondi
    • Nicola Furcolo
      Nicola Furcolo dice:

      Ciao Roberta, la SCIA deve essere predisposta da un tecnico abilitato (la lettera “A” sta per “Asseverata” -> tecnico abilitato). Ovviamente ci sono anche tutti i dati del committente.
      Ciao

      Rispondi
  5. Valentina
    Valentina dice:

    Noi abbiamo fatto scadere l’anno per poter dichiarare l’inizio dei lavori e non abbiamo neanche chiesto una proroga…come bisogna procedere?

    Rispondi
  6. gico
    gico dice:

    non ho completato i lavori neanche con la proroga di legge, a questo punto anche se mi mancano solo lavorazioni interne, il Comune per la nuova SCIA mi chiede di pagare il contributo sul costo di costruzione per le opere mancanti.
    Ma per le opere interne le concessioni edilizie non sono gratuite ??????

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *