Immagine categoria tecnologia

S4: presentato il nuovo dispositivo di casa Samsung che promette guerra spietata all’iPhone

L’S4 introduce il comando con il movimento degli occh, una funzione che consente alla pagina di muoversi seguendo i movimenti del polso e la possibilità di utilizzare comandi vocali con una funzione di traduzione automatica in nove lingue.

Presentato a Radio City Music Hall di New York il nuovo Samsung S4.

Il nuovo smart-phone rappresenta l’evoluzione del modello di maggior successo di Samsung, il Galaxy S3, conservandone sostanzialmente l’aspetto.

Queste le caratteristiche tecniche:

  • Sistema operativo Android 4.2 Jelly Bean
  • Schermo touchscreen Super AMOLED da 5 pollici a risoluzione Full HD 1920×1080 pixel con Gorilla Glass 3
  • Processore 1.6GHz Octa-core con 2GB Ram
  • GPU PowerVR SGX 544MP3
  • Memoria 16/32/64GB espandibile via microSD
  • Fotocamera da 13 megapixel con videorecording Full HD
  • GPS, Wi-Fi, Bluetooth, NFC e connessione HSPA+/LTE
  • Videocamera frontale da 2 megapixel
  • Dimensioni 136.6 x 69.8 x 7.9mm per 130 grammi di peso
  • Batteria 2600mAh

I particolari che hanno catturato maggiormente l’attenzione del pubblico sono legati all’interazione tra utente e dispositivo: l’S4 introduce il comando con il movimento degli occhi che per ora si traduce in due applicazioni:

  • l’interruzione della riproduzione di un video quando lo sguardo si concentra altrove, per una conversazione e per altra distrazione;
  • scorrimento della pagina del browser oppure della mail.

Inoltre è presente una funzione che consente alla pagina di muoversi seguendo i movimenti del polso in su o in giù: lo schermo non segue il movimento degli occhi, ma li utilizza come punto di riferimento.

Altra novità di rilievo è la possibilità di utilizzare comandi vocali con una funzione di traduzione automatica in nove lingue, tra cui l’italiano: si parla al dispositivo in una lingua, lui la trascrive nella traduzione prescelta.

Di seguito il video ufficiale dell’S4.

 

 
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *