Ritorna la Polaroid ed il fascino vintage del “punta e scatta”

Dopo 10 anni ritorna in commercio la Polaroid con il modello OneStep 2. Riuscirà lo storico marchio a far concorrenza ai nuovi ipertecnologici prodotti?

La Polaroid – per i pochi che non lo sapessero – è una semplice fotocamera istantanea, facile da usare, che stampa in pochi secondi le foto direttamente dal corpo macchina.

In pochi secondi è in grado di catturare l’attimo e trasformarlo in qualcosa di reale da conservare o condividere.

Alla Polaroid sono legati tanti ricordi piacevoli dell’adolescenza di chiunque abbia vissuto negli anni 70-80.

Col tempo però la macchinetta, che stampava foto appiccicose, ha acquistato sempre meno fascino e, non trovando più i giusti consensi, è uscita di produzione per essere sostituita dai moderni apparecchi digitali.

Ora, a distanza di 10 anni dalla vendita dell’ultima macchina fotografica, la Polaroid ritorna in commercio e lo fa in grande stile con il modello OneStep 2.

Ispirata alla fotocamera originale OneStep del 1977, la OneStep 2 è una videocamera istantanea analogica per l’epoca moderna, che unisce il design classico allo stile contemporaneo.

Il modello OneStep 2 è dotata di una batteria ricaricabile a lunga durata, con una lente di alta qualità e un potente flash per offrire un’ottima risoluzione alle foto notturne.

La storia della Polaroid

Tutto ebbe origine dalla produzione di uno speciale foglio di plastica utilizzato per polarizzare la luce. Il brevetto di tale foglio venne registrato nel 1929 e sviluppato successivamente nel 1932 da Edwin H. Land, il quale fondò nel 1937 la Polaroid Corporation.

La prima macchina Polaroid apparve sul mercato nel 1948, ma la macchina che ebbe più successo fu la Folding Pack.

Negli anni ’70 sono state prodotte una vasta serie di macchine fotografiche istantanee con pellicole autosviluppanti, le quali per la maggior parte utilizzano pellicole del tipo SX-70 o 600.

Da 10 anni la Polaroid ha smesso di produrre qualsiasi tipo di pellicola analogica, anche se ha sviluppato con Fuji una macchina fotografica istantanea analogica e le sue relative pellicole, denominata “300“.

Le vecchie pellicole prodotte (formato 600, SX-70 e Spectra) sono tuttora reperibili (scadute) online, a prezzi non proprio modici.

Nell’inverno 2014 viene presentato un dispositivo Android che permette di scattare foto con una fotocamera da 14 MegaPixel, visualizzarle su di un display da 4,5″ e di stamparle direttamente con una stampante interna al dispositivo in formato 2″ x 3”. Inoltre è capace di connettersi via wifi e bluetooth: stiamo parlando della macchina chiamata Socialmatic; un altro modello è prodotto, di dimensione più piccole, che si chiama Snap.

Nel 2016 Polaroid Corporation ha rilasciato una app per iPhone chiamata Polaroid Swing. Questa app permette di creare dei brevi video a partire da delle foto che possono essere personalizzate e visualizzate nel classico formato Polaroid.

Polaroid OneStep 2

Il rilascio della nuova Polaroid è previsto per il 16 ottobre 2017 in due colori (bianco e grafite) ed è preordinabile online al prezzo di 119,99 euro.

Il modello ha lo stesso identico funzionamento “punta-e-scatta” delle altre Polaroid, con le foto che prendono vita sulle pellicole. È possibile stampare le foto in bianco e nero o a colori e su carta classica o colorata. Sempre online si possono comprare le ricariche delle stampe, che sono limitate ad un numero di 8 foto.

Per gli adolescenti questa tecnologia vintage potrebbe sembrare un’eresia e anche difficile da capire, però per chi negli anni 70/80 era abituato ad immortalare solo pochi scatti della propria vita e cercare di far venire bene una foto al primo colpo, questo tuffo nel passato rappresenta un’ottima occasione per rispolverare la propria passione fotografica.

Di seguito proponiamo un video che mostra le funzionalità della Polaroid OneStep 2:

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *