Ristrutturazioni: per la detrazione se non è necessaria la DIA occorre l’autocertificazione

Se per gli interventi per i quali si intende usufruire della detrazione non è richiesto alcun titolo abilitativo alla comunicazione di inizio dei lavori all’Agenzia delle Entrate va allegato, solo, un’autocertificazione nella quale si attesta che, per i lavori ammessi al beneficio, non è richiesto alcun titolo abilitativo.

Per usufruire della detrazione Irpef del 36% per le ristrutturazioni immobiliari è necessario, tra l’altro, prima dell’inizio dei lavori, inviare una comunicazione di inizio dei lavori all’Agenzia delle Entrate con allegata la copia del titolo abilitativo (permesso di costruire, dia, etc.).
Se per gli interventi per i quali si intende usufruire della detrazione, in base alla normativa nazionale o locale, non è richiesto alcun titolo abilitativo alla predetta comunicazione è necessario allegare un’autocertificazione nella quale si attesta che, per i lavori ammessi al beneficio, non è richiesto alcun titolo abilitativo per realizzare l’intervento di ristrutturazione edilizia.
Ai sensi del DPR 445/2000 l’autocertificazione deve essere accompagnata dalla fotocopia del documento di riconoscimento.
Il chiarimento arriva direttamente dall’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 325/2007.

Documento Dimensione Formato
Testo della Risoluzione dell’Agenzia delle Entrate 38 Kb PDF
 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *