Ristrutturazioni edilizie: tutti i chiarimenti sull’indicazione della manodopera in fattura obbligatoria per usufruire delle detrazioni.

L’Agenzia delle Entrate, con la Circolare n. 11 del 16 febbraio scorso, ha inteso fornire alcuni chiarimenti relativi all’applicazione delle disposizioni del decreto Bersani (DL 223/2006), del decreto fiscale di ottobre (DL 262/2006) e della Finanziaria 2007.

L’Agenzia delle Entrate, con la Circolare n. 11 del 16 febbraio scorso, ha inteso fornire alcuni chiarimenti relativi all’applicazione delle disposizioni del decreto Bersani (D.L. 223/2006), del decreto fiscale di ottobre (D.L. 262/2006) e della Finanziaria 2007.
L’Amministrazione è intervenuta, in particolare, su quesiti posti dalla stampa specializzata.
Una delle questioni affrontate riguarda le agevolazioni fiscali previste per gli interventi di ristrutturazione edilizia previste dalla Finanziaria.
Nel prorogare a tutto il 2007 queste agevolazioni, la Finanziaria ha confermato l’obbligo dell’evidenziazione in fattura del costo della manodopera, introdotto dal D.L.4 luglio 2006, n. 223 (decreto Bersani – art. 35, comma 19).
L’Agenzia delle Entrate chiarisce che il costo della manodopera può essere indicato quale dato complessivo, senza che sia necessaria una suddivisione relativa ai singoli dipendenti.
Nel caso in cui ad eseguire i lavori sia una ditta individuale, non deve essere indicato alcun costo per la manodopera prestata dal titolare.
Nel caso, infine, di un’impresa con dipendenti, in cui anche il datore di lavoro partecipa alle fasi di lavoro, dovrà essere indicato in fattura il costo della manodopera impiegata, al netto del costo riferibile all’apporto dell’imprenditore.
Inoltre, se la ditta esecutrice esegue i lavori avvalendosi di altri soggetti (es. subappaltatori) nella fattura dovrà essere evidenziato sia il costo della manodopera impiegata direttamente, sia quello della manodopera impiegata dagli altri soggetti (subappaltatori).
Infine, le disposizioni sopra illustrate devono applicarsi anche ai contratti di cessioni di beni con posa in opera degli stessi.
Ricordiamo che la mancata indicazione in fattura dei costi della manodopera comporta la decadenza dai benefici.

Documento Dimensione Formato
Circolare 11 dell’Agenzia delle Entrate 69 Kb PDF
 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *