Colpo di calore, come valutare il rischio

Colpo di calore, come valutare il rischio

Colpo di calore: il testo unico sulla sicurezza obbliga i datori di lavoro a valutare opportunamente i rischi. Ecco come procedere grazie alla guida “il rischio di colpo da calore” dello SPISAL di Padova

Il  rischio  del “colpo da calore” deve essere opportunamente valutato da ogni datore di lavoro. Il  testo  unico  sulla  sicurezza (D.Lgs. 81/2008), infatti, indica tra gli obblighi del datore di lavoro quello di valutare “tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori”, tra cui il rischio di colpo di calore.

In particolare nel settore dell’edilizia, il rischio da calore è molto elevato a causa della notevole esposizione e della pesantezza del lavoro.

Anche  in  agricoltura, lavorando sia all’aperto che nelle serre, gli operatori sono esposti in modo rilevante al rischio di colpo di calore.

In questo articolo proponiamo il documento “Lavoro d’estate in condizioni di temperatura elevata: il rischio di colpo da calore” pubblicato dallo SPISAL  (Servizio Prevenzione Igiene Sicurezza Ambienti di Lavoro) di Padova, contenente pratiche indicazioni su come valutare i rischi.

Il documento definisce i rischi derivanti dal colpo di calore e e guida il datore di lavoro nella corretta valutazione e nei comportamenti da tenere in caso di necessità.

Ecco gli argomenti trattati:

  • rischi per la salute da esposizione al caldo
  • sintomi e livelli di gravità
  • disturbi per esposizione al calore e/o a fatica fisica intensa
  • misure di prevenzione
  • sintomatologia da calore
  • cosa fare in caso di emergenza
  • tipologie di soccorso
  • cronaca di colpi di calore realmente accaduti

Per ulteriori approfondimenti, rinviamo i lettori al precedente articolo “Arriva il caldo! Ecco due utili guide per la sicurezza dei lavoratori“.

 

Clicca qui per scaricare il documento “Lavoro d’estate in condizioni di temperatura elevata: il rischio di colpo da calore”

Clicca qui per scaricare la versione più aggiornata del testo unico sulla sicurezza

 


Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *