Rischio amianto e tutela dei lavoratori esposti: dalla Sicilia arrivano le Linee Guida

Scopo della pubblicazione è rendere uniformi e omogenee su tutto il territorio siciliano le procedure utilizzate dalle aziende coinvolte nell’attività di manutenzione e rimozione dell’amianto o smaltimento e trattamento dei relativi rifiuti

Il Testo Unico della Sicurezza fornisce precise indicazioni sui rischi connessi all’esposizione all’amianto e sugli obblighi connessi alle attività di demolizione o rimozione.
In particolare il D.Lgs. 81/2008 prevede (art. 250 e successivi) che prima dell’inizio di lavori che possano comportare il rischio di esposizione a fibre di amianto, il datore di lavoro debba:

  • presentare una notifica all’organo di vigilanza competente per territorio;
  • predisporre un piano di lavoro ed inviarlo all’organo di vigilanza, almeno 30 giorni prima dell’inizio dei lavori.

La Regione Sicilia ha pubblicato le “Linee guida sulle misure di tutela della salute e sicurezza dei lavoratori esposti al rischio amianto”.

L’intento della pubblicazione è quello di rendere uniformi e omogenee su tutto il territorio siciliano le procedure utilizzate dalle aziende sanitarie provinciali (AA.SS.PP.) e dalle aziende coinvolte nell’attività di manutenzione e rimozione dell’amianto o smaltimento e trattamento dei relativi rifiuti.

La Guida contiene le procedure relative a:

  • lavori non soggetti a “notifica” ex art. 250 del D.Lgs. n. 81/08 (ESEDI);
  • lavori soggetti a “notifica” ex art. 250 del D.Lgs. n. 81/08;
  • lavori soggetti a presentazione del “piano di lavoro” ex art. 256 del D.Lgs. n. 81/08.

Sono trattati anche i seguenti argomenti:

  • Certificazione di restituibilità di ambienti bonificati dall’amianto;
  • Controllo dell’esposizione e valore limite;
  • Informazione e formazione dei lavoratori;
  • Sorveglianza sanitaria – Registro esposti – Cartella sanitaria.

Clicca qui per scaricare le Linee Guida della Regione Sicilia

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *