Bando riqualificazione periferie, in Gazzetta il decreto con le nuove tempistiche di finanziamento.

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Bando riqualificazione periferie, pubblicato il nuovo decreto con i nuovi step di finanziamento (modifica decreti 25 maggio 2016 e 6 dicembre 2016)

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del 16 febbraio 2017, recante modifica dei decreti 25 maggio 2016 e 6 dicembre 2016 in materia di riqualificazione e sicurezza delle periferie.

Parliamo del Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane e dei comuni capoluogo di provincia, istituito dalla legge di Stabilità 2016.

Inizialmente erano stati stanziati 500 milioni di euro, a cui poi si sono sommati 1,6 miliardi di euro, finalizzati alla realizzazione di interventi urgenti per la rigenerazione delle aree urbane degradate.

Si tratta di progetti di miglioramento della qualità del decoro urbano, di manutenzione, riuso e rifunzionalizzazione delle aree pubbliche e delle strutture edilizie esistenti, rivolti all’accrescimento della sicurezza territoriale e al potenziamento delle prestazioni urbane.

La modalità e la procedura di presentazione dei progetti per la riqualificazione delle periferie sono contenute nel bando, approvato con decreto 25 maggio 2016.

Il decreto 6 dicembre 2016 contiene, invece, l’approvazione della graduatoria circa gli interventi urgenti per la rigenerazione delle aree urbane degradate.

Il recente provvedimento, decreto del 16 febbraio 2017, interviene in modica dei seguenti commi:

  • commi 3 e 4 dell’art. 4 del decreto 25 maggio 2016
  • commi 3, 4 e 5 dell’art. 5 del decreto 6 dicembre 2016

I nuovi commi descrivono le nuove tempistiche per l’erogazione delle diverse quote di finanziamento, in funzione di determinate verifiche da compiersi.

 

Clicca qui per scaricare il decreto 16 febbraio 2017

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *