Rinascita urbana: il Governo stanzia un miliardo per migliorare la qualità dell’abitare

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Annunciato il nuovo piano pluriennale del MIT per la riqualificazione urbana dei Comuni con situazioni di marginalità economica e sociale importanti

Con la legge di Bilancio 2020, il Governo si appresta a lanciare il piano “Rinascita urbana” il pacchetto di misure pensate per la riqualificazione urbana. E’ previsto, infatti, lo stanziamento di un miliardo di euro per migliorare la qualità dell’abitare: dalla rigenerazione degli edifici, al sostegno alle famiglie in affitto, ai cantieri nei piccoli Comuni.

Come annunciato dal Ministro delle Infrastrutture:

 l’ambito d’intervento del piano saranno i Comuni con situazioni di marginalità economica e sociale importanti, degrado edilizio e carenza di servizi, oltre a spazi consistenti e inutilizzati da riqualificare (…) Il piano prevede lo sviluppo di dotazioni urbane e di servizi connessi all’abitare come il primo soccorso, il medio e piccolo commercio, gli spazi collettivi e relazionali; la riconversione di immobili e spazi oggi inutilizzati pubblici e privati; la manutenzione straordinaria; il miglioramento sismico, sostenibilità energetica e innovazione tecnologica con la trasformazione di edifici da tradizionali a intelligenti, fibra ottica e incremento della domotica; il co-house, gli spazi di socializzazione all’interno dei condomini, residenze temporanee destinate a studenti.

Cos’è

“Rinascita urbana” è un programma pluriennale innovativo atto a garantire la rinascita dei centri urbani; punta alla:

  • riqualificazione ed incremento dell’edilizia residenziale pubblica e sociale;
  • rigenerazione urbana di spazi già costruiti ma in disuso;
  • miglioramento dell’accessibilità e della sicurezza dei luoghi urbani;
  • avvio di cantieri nei piccoli Comuni.

Stanziamento

Il piano prevede lo stanziamento di 1 miliardo di euro; con il cofinanziamento delle Regioni e la possibilità dell’apporto di risorse private, come quelle di Cassa depositi e prestiti. Il piano sarà comunque cumulabile con le altre misure a favore della casa, come sismabonus ed ecobonus.

Una parte consistente del piano verrà destinata ad agevolare l’accesso all’affitto per le famiglie che si trovano in difficoltà finanziarie.

Beneficiari

L’ambito d’intervento è definito dai Comuni con situazioni di marginalità economica e sociale importanti, degrado edilizio e carenza di servizi, oltre a spazi consistenti e inutilizzati da riqualificare.

Modalità di accesso

E’ possibile accedere alle risorse attraverso un bando pubblico del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti; la valutazione dei progetti avverrà da parte di una commissione composta da esperti dalla elevata professionalità. Il finanziamento massimo richiesto è di 20 milioni di euro per ciascun progetto.

Servizi connessi

Prevista la realizzazione di servizi connessi all’abitare, quali:

  • primo soccorso, spazi collettivi e relazionali, piccolo commercio;
  • manutenzione straordinaria;
  • adeguamento antisismico, sostenibilità energetica;
  • co-housing, residenze per studenti, spazi di socializzazione nei condomini.

 

Clicca qui per vedere la comunicazione sul sito del Governo

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *