Beni culturali: il restauratore può anche essere il direttore dei lavori

Il Ministero chiarisce che in caso di lavori su beni culturali, il restauratore può ricoprire anche il ruolo di direttore dei lavori

Con parere del 21 settembre l’ufficio legislativo del Ministero dei Beni Culturali, MIBAC risponde ad una nota del 30 maggio circa il decreto interministeriale n. 154/2017 recante: “Regolamento concernente gli appalti pubblici di lavori riguardanti i beni culturali tutelati ai sensi del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42”.

Nella nota si evidenziavano dubbi interpretativi relativi all’art. 22, comma 2, del suddetto regolamento, nello specifico:

risulta non chiaro ad alcune Stazioni Appaltanti se il Restauratore possa assumere o meno la funzione di Direttore dei Lavori.

Ricordiamo che l’art. 22, comma 2 del regolamento recita:

La direzione dei lavori, il supporto tecnico alle attività del responsabile unico del procedimento e del dirigente competente alla formazione del programma triennale comprendono un restauratore di beni culturali qualificato ai sensi della normativa vigente, ovvero, secondo la tipologia dei lavori, altro professionista di cui all’articolo 9-bis del Codice dei beni culturali e del paesaggio. In ambedue i casi sono richiesti un’esperienza almeno quinquennale e il possesso di specifiche competenze coerenti con l’intervento.

La norma, osserva l’ufficio legislativo del Ministero, riproduce quanto già previsto dall’art. 147, comma 6, codice dei contratti pubblici.

L’ufficio chiarisce in merito al dubbio interpretativo che:

nell’ambito di interventi su beni culturali, il restauratore può assumere il ruolo di direttore dei lavori (oltre a quello di supporto tecnico del responsabile unico del procedimento e del dirigente competente alla formazione del programma triennale).

L’interpretazione prospettata è confortata dalla previsione del D.M. n. 86 del 2009, allegato A sub C, che, nell’individuare i profili di competenza dei restauratori, ricomprende anche quelli di “direzione dei lavori, direzione operativa nell’ambito di direzione lavori, supporto tecnico alle attività del responsabile del procedimento”.

La norma precisa, peraltro, che, in considerazione della tipologia di lavori, detti ruoli possano essere assunti anche da altro professionista di cui all’articolo 9-bis del codice dei beni culturali e del paesaggio, in possesso di adeguata professionalità. Ove poi, eventualmente, si riscontri la necessità del concorso di più professionalità, tra quelle considerate dall’art. 22, comma 2, si ritiene che possa essere disposto il loro intervento congiunto nella conduzione dei lavori secondo le rispettive aree di competenza”.

 

Clicca qui per conoscere PriMus-PLATFORM il software per la direzione dei lavori

Clicca qui per scaricare il parere del MIBAC

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *