Immagine categoria approfondimenti tecnici

Rent to buy, quali le tasse da applicare al canone d’affitto e quali alla quota di anticipo prezzo?

I chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate: la tassazione dei contratti varia a seconda che il canone sia versato per il godimento dell’immobile o come acconto della vendita successiva

Il Decreto 133/2014 (Legge 164/2014) ha introdotto una nuova tipologia contrattuale, il rent to buy, ossia l’affitto con riscatto.

Si tratta di un contratto relativo al godimento di un immobile, in funzione della successiva alienazione (V. art.: “Proprietari di casa senza il mutuo? Si, grazie al rent to buy. Ecco la cose da sapere sull’acquisto con riscatto”), caratterizzato dai seguenti elementi:

  • l’immediata concessione in godimento dell’immobile mediante il pagamento di canoni
  • il diritto del conduttore di acquistare successivamente il bene
  • l’imputazione di una quota dei canoni, nella misura indicata nel contratto, al corrispettivo del trasferimento

L’Agenzia delle Entrate ha fornito i primi chiarimenti (Circolare 4/E del 19 febbraio 2015) sulla disciplina fiscale da applicare per la tassazione dei contratti in argomento, a seconda della funzione specifica per cui il canone viene versato: il godimento dell’immobile o l’acconto sul prezzo finale di trasferimento.
Nel caso della locazione si applicano, per le imposte dirette ed indirette, le disposizioni previste per i contratti di locazione.
Per la quota di canone versata come anticipazione del corrispettivo pattuito per la vendita dell’immobile, invece, si applicherà la normativa fiscale prevista per gli acconti-prezzo.
Nello specifico, la Circolare tratta i seguenti argomenti:

  • l’inquadramento civilistico dei contratti di godimento in funzione della successiva alienazione di immobili
  • la disciplina fiscale dei contratti di godimento in funzione della successiva alienazione di immobili
  • la fase di godimento dell’immobile: trattamento del canone per godimento del bene e acconto prezzo
  • l’esercizio del diritto di acquisto e trasferimento dell’immobile
  • il mancato trasferimento dell’immobile e restituzione degli acconti

Clicca qui per scaricare la Circolare 4/E dell’Agenzia delle Entrate

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *