Immagine categoria approfondimenti tecnici

Relazione geologica e relazione geotecnica: linee guida e metodologie di lavoro dal consiglio nazionale dei geologi

Il Consiglio Nazionale dei Geologi, con la deliberazione n. 209/2010, ha approvato il documento che definisce gli standard di lavoro da utilizzare come riferimento metodologico per gli studi specialistici, per la redazione della relazione geologica e geotecnica e per la programmazione delle indagini di supporto.

Il Consiglio Nazionale dei Geologi, con la deliberazione n. 209/2010, ha approvato il documento che definisce gli standard di lavoro da utilizzare come riferimento metodologico per gli studi specialistici, per la redazione della relazione geologica e geotecnica e per la programmazione delle indagini di supporto.

 

 

ll documento è strutturato in due parti: nella prima è descritto l’approccio metodologico (generale e analitico), nella seconda sono descritte le analisi di pericolosità geologica.
In funzione della prestazione richiesta al professionista e della tipologia di opera sono proposti schemi predefiniti che consentono la produzione di contenuti (minimi) secondo le richieste delle norme per quell’intervento.

Le tipologie di lavoro, ed i relativi standard di riferimento, sono i seguenti:

  • Standard 1 – Opere di sistemazione e completamento di fabbricati esistenti: adeguamento igienico -funzionale, sopraelevazione, strutture di recinzione di aree di pertinenza, ecc.
  • Standard 2 – Costruzione di un edificio di modesto impegno costruttivo (minime pericolosità naturali)
  • Standard 3 – Costruzione di un edificio di notevole impegno costruttivo (massime pericolosità naturali)
  • Standard 4 – Progettazione stradale e ferroviaria
  • Standard 5 – Progettazione di reti di distribuzione (fognarie, idriche, metanodotti, ecc.)
  • Standard 6 – Interventi di stabilizzazione di aree in frana e/o di consolidamento di versanti
  • Standard 7 – Indagini geologiche preordinate alla redazione di uno strumento urbanistico
  • Standard 8 – Studio geologico nell’ambito di un piano attuativo
  • Standard 9 – Studio geologico riguardante la localizzazione e la realizzazione di una discarica
  • Standard 10 – Studio geologico riguardante la caratterizzazione di un sito inquinato
  • Standard 11 – Studio idrogeologico per il prelievo e l’utilizzo di acque sotterranee
  • Standard 12 – Studio idrogeologico per la delimitazione delle Aree di Salvaguardia di Risorse Idriche ad Uso Potabile
  • Standard 13 – Studio geologico nell’ambito del progetto per attività estrattiva o per l’ampliamento di un sito già adibito ad attività estrattiva
  • Standard 14 – Studio componente suolo-sottosuolo e ambiente idrico in procedure SIA, VIA, VAS e Valutazioni di Incidenza
  • Standard 15 – Studio idrologico ed idrogeologico per realizzazione laghetti collinari
  • Standard 16 – Studi in area urbana
  • Standard 17 – Individuazione cavità sotterranee di origine antropica
  • Standard 18 – Studi geologici nell’ambito della progettazione di aree cimiteriali
  • Standard 19 – Studi geologici per concessioni di derivazione di acqua pubblica (sotterranea)
  • Standard 20 – Studi geologici per concessioni di derivazione di acqua pubblica (superficiale)
  • Standard 21 – Studi idrogeologici per la realizzazione di impianti di smaltimento reflui domestici

Nella seconda parte del documento sono descritte le procedure di analisi di pericolosità:

  • per fenomeni di crollo
  • generata da colate e da scivolamenti che evolvono in colate
  • trasporto solido e/o in massa su conoidi alpini
  • generata da scivolamenti
  • sismica, microzonazione e analisi di risposta sismica locale
  • pericolosità per fenomeni valanghivi
  • legate a fenomeni vulcanici

oltre agli indirizzi e ai criteri per la microzonazione sismica.

Clicca qui per scaricare le LINEE GUIDA elaborate dal C.N.G.

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *