Rapporto Legambiente L’A BI CI: la situazione della ciclabilità in Italia

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

1° Rapporto Legambiente L’A BI CI: il punto della situazione sul valore economico della bicicletta in Italia e sulla ciclabilità nelle città

È stato pubblicato il primo Rapporto Legambiente L’A BI CI sull’economia della bici in Italia e sulla ciclabilità nelle città per fare il punto sullo stato delle due ruote, elaborando un’analisi del valore economico della bicicletta nel nostro Paese.

Per capire l’importanza e lo sviluppo del settore a 2 ruote proviamo a fornire qualche numero:

  • il fatturato generato dal settore inerente la bici è di oltre 6 miliardi di euro, precisamente 6.206.587.766 euro: somma della produzione di bici e accessori, delle ciclovacanze e dell’insieme delle esternalità positive generate dai biker genera
  • 743 mila frequent biker: gli italiani che utilizzano sistematicamente la bici per coprire il tragitto casa-lavoro
  • 12 città italiane raggiungono performance di ciclabilità qualitativamente analoghe a quelle di altre realtà europee, con una quota di spostamenti in bici sul totale degli spostamenti urbani superiore almeno al 15%
  • in 7 anni, tra il 2008 e il 2015, le infrastrutture riservate a chi pedala nelle città capoluogo sono aumentate addirittura del 50%, nello stesso periodo la percentuale di italiani che utilizzano la bici per gli spostamenti è rimasta immutata: era il 3,6% nel 2008 ed era ancora il 3,6% nel 2015

Le città bike friendly

Il Rapporto Legambiente L’A BI CI introduce l’indicatore sulla qualità della mobilità: il modal share. Lo stile di mobilità degli abitanti si può valutare analizzando il mezzo usato per i percorsi quotidiani casa-scuola o casa-lavoro.

I dati sul modal share disponibili evidenziano ottime o buone performance di mobilità in 12 città italiane.

Di seguito si riportano i dati degli spostamenti in bici sul totale degli spostamenti urbani:

Città%Città%
Bolzano28Forlì19
Pesaro28Novara17
Ferrara27Padova17
Treviso25Pisa17
Reggio Emilia23Rimini16
Ravenna22Cremona16

Bike-sharing

Nel Rapporto Legambiente L’A BI CI i dati relativi al bike sharing confermano una realtà, già consolidata in molte città europee, che inizia a prendere piega su tutto il territorio.

Il bike sharing è uno degli strumenti di mobilità sostenibile a disposizione delle amministrazioni pubbliche che intendono aumentare l’utilizzo dei mezzi di trasporto pubblici (autobus, tram e metropolitane), integrandoli tra loro e grazie all’utilizzo delle biciclette condivise per i viaggi di prossimità dove il mezzo pubblico non arriva o non può arrivare.

Sono, infatti, 51 i comuni in cui i cittadini possono usufruire di un servizio di bike sharing (60%).

Di seguito riportiamo i dati relativi al servizio bike sharing, che ci forniscono il numero di biciclette ogni 1.000 abitanti. Milano si conferma la città più “europea” con il valore più alto, seguita da Brescia e Bergamo.

CittàN.CittàN.CittàN.
 Milano3,46Pordenone1,07Biella0,60
 Brescia2,54Torino1,07Bologna0,54
 Bergamo2,40 Gorizia1,00Savona0,51
 Aosta2,33Cremona1,00Udine0,50
Pisa2,24Piacenza0,98Pavia0,48
Lodi2,20Verona0,97Rieti0,48
 Vercelli1,90La Spezia0,85Macerata0,47
Modena1,84Forlì0,85Reggio Emila0,39
 Siena1,74Lecco0,75Firenze0,37
 Ferrara1,73 Varese0,72Rovigo0,31
 Trento1,57 Terni0,71Prato 0,26
 Benevento1,50Teramo0,66Venezia 0,23
 Verbania1,29Ravenna0,63Salerno 0,22
Padova1,26Parma0,62Perugia 0,18
Treviso1,19Mantova0,62Palermo0,11
Pordenone1,07Biella 0,60Napoli 0,10

Infrastrutture per la ciclabilità (metri equivalenti/abitante)

Nel Rapporto Legambiente L’A BI CI il dato che forse riassume meglio la situazione della ciclabilità in Italia è l’indice relativo alla dotazione complessiva di infrastrutture in grado di incentivare la mobilità ciclabile.

Tale indice è così composto dalle seguenti grandezze:

  • km di piste ciclabili in sede propria
  • km di piste ciclabili in corsia riservata
  • km di piste su marciapiede
  • km di piste promiscue bici/pedoni
  • zone con moderazione di velocità a 20 e 30 km/h
  • piste nel verde (percorsi che non corrono lungo la carreggiata stradale, ad esempio nei parchi, lungo i fiumi, strade bianche, etc.)

I valori relativi a queste tipologie di infrastrutture, opportunamente pesati, concorrono a formare l’indice di “metri equivalenti” di percorsi ciclabili ogni 100 abitanti.

In base a tale indice M/A (metri equivalenti/abitante) di seguito riportiamo i dati delle città con una migliore dotazione complessiva di infrastrutture in grado di incentivare la mobilità ciclabile.

Città

M/A

Città

M/A

Città

M/A

Città

M/A

Reggio Emilia41,06Venezia12,82Gorizia5,11Macerata1,28
Mantova26,66Vicenza12,79Torino4,88Ragusa1,28
Lodi26,61Verona12,05Pescara4,85Palermo1,24
Cremona26,31Parma11,72Novara4,82Trapani1,16
Verbania24,02Pisa11,67Biella4,73Agrigento1,01
Sondrio20,16Rieti11,44Terni4,05Ancona0,76
Ferrara19,97Udine11,12Milano3,66Messina0,74
Oristano18,78Bologna10,76Siena3,18Siracusa0,62
Padova18,76Benevento10,29Perugia3,16Sassari0,45
Pesaro18,38Pavia10,10Monza2,83Nuoro0,37
Ravenna17,67Bergamo9,78La Spezia2,61Napoli0,33
Modena17,03Rovigo9,34Varese2,36Avellino0,29
Bolzano16,80Asti9,05Cagliari2,35Salerno0,24
Alessandria16,40Prato7,54Latina2,25Reggio Calabria0,06
Piacenza15,82Firenze7,43Catanzaro2,23L’Aquila0,00
Vercelli15,45Belluno7,20Lecco2,08Caltanissetta0,00
Forlì14,93Massa5,99Savona2,07Potenza0,00
Rimini14,61Aosta5,85Trieste1,66Chieti0,00
Pordenone14,43Lucca5,80Teramo1,66Vibo Valentia0,00
Treviso13,77Trento5,55Bari1,48Caserta0,00
Brescia13,14Grosseto5,13Catania1,36Enna0,00

 

Clicca qui per scaricare il rapporto Legambiente di maggio 2017

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *