Quali sono i casi in cui va predisposto un aggiornamento dei documenti catastali ?

La Legge 311/2004 (Legge Finanziaria 2005) ha previsto (comma 336) che, nell’ambito di una serie di attività mirate a combattere l’evasione dell’ICI, i comuni effettuino degli accertamenti mirati a verificare la rispondenza degli elaborati catastali con le situazioni reali degli immobili.

La Legge 311/2004 (Legge Finanziaria 2005) ha previsto (comma 336) che, nell’ambito di una serie di attività mirate a combattere l’evasione dell’ICI, i comuni effettuino degli accertamenti mirati a verificare la rispondenza degli elaborati catastali con le situazioni reali degli immobili.
In particolare gli enti locali devono accertare se sono stati effettuati interventi sugli immobili che potrebbero averne reso non coerente la destinazione con il classamento.
Allo scopo di semplificare il lavoro dei comuni, ma anche quello dei tecnici e dei contribuenti, l’Agenzia del Territorio ha individuato, attraverso la circolare n. 1/2006, in maniera dettagliata, tutti gli interventi che di norma comportano l’obbligo di un aggiornamento catastale e quelli invece ininfluenti a tal fine.
Tra i primi rientrano, ad esempio, le costruzioni di nuove unità immobiliari fuori terra ed interrate, gli ampliamenti delle unità immobiliari esistenti fuori terra ed interrate, la fusione di due o più unità immobiliari, etc..
Tra i secondi rientrano, ad esempio, gli interventi edilizi che riguardano opere conservative di riparazione, le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici, gli interventi edilizi di restauro e risanamento conservativo, etc.

Documento Dimensione Formato
Circolare n. 1/2006 69 Kb PDF
Circolare n. 1/2006 – Allegato A 33 Kb PDF
Circolare n. 1/2006 – Allegato B 59 Kb PDF
 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *