Protocollo ITACA nazionale 2011: uffici e residenze private

Il Consiglio Direttivo di ITACA ha approvato il Protocollo ITACA Nazionale 2011 per la valutazione della sostenibilità energetica e ambientale degli edifici.

Il Consiglio Direttivo di ITACA ha approvato il Protocollo ITACA Nazionale 2011 per la valutazione della sostenibilità energetica e ambientale degli edifici. Il nuovo Protocollo è stato sviluppato dal Gruppo di Lavoro per l’Edilizia Sostenibile ITACA, durato quasi un anno, con il supporto di ITC-CNR e iiSBE Italia. L’aggiornamento del Protocollo nasce dall’esigenza di allineare lo strumento di valutazione alle nuove norme tecniche UNI-TS 11300 e alle “Linee Guida nazionali per la Certificazione Energetica”.

La versione 2011 sintetizza i rilievi intervenuti in fase di applicazione dello strumento da parte delle Regioni e le osservazioni tecniche avanzate dalle associazioni nazionali e ordini professionali.
La principale novità è la definizione di due protocolli:

  • Protocollo per Edifici residenziali;
  • Protocollo per Uffici pubblici e privati.

La struttura di base dei due protocolli è la medesima; variano solo gli indicatori e le scale di prestazione per l’attribuzione dei punteggi. Non sono più presenti le due versioni, sintetica e completa, ma il Protocollo è unico.

Ricordiamo, brevemente, che il protocollo ITACA è un sistema a “punteggio” che consente di valutare e certificare il livello di sostenibilità degli interventi edilizi, nonché di stabilire le soglie minime al di sotto delle quali non è consentito il rilascio delle certificazioni. L’utilizzo di tale strumento fornisce a tecnici, progettisti, Amministrazioni comunali e imprenditori i mezzi per attuare politiche energetico-ambientali a livello locale, garantendo la sostenibilità ambientale.

Clicca qui per scaricare il Protocollo ITACA 2011 per Edifici residenziali
Clicca qui per scaricare il Protocollo ITACA 2011 per Uffici

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *