Prezzi materiali da costruzione 2017, pubblicato il decreto per l’adeguamento dei prezzi

Prezzi materiali da costruzione 2017: nessuna variazione percentuale superiore al 10% relativa all’anno 2016

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto 27 marzo 2018 del Mit (Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti) relativo a prezzi materiali da costruzione 2017 e variazioni percentuali annuali, in aumento o in diminuzione, superiori al 10%, in particolare:

Rilevazione dei prezzi medi per l’anno 2016 e delle variazioni percentuali annuali, in aumento o in diminuzione, superiori al dieci per cento, relative all’anno 2017, ai fini della determinazione delle compensazioni dei singoli prezzi dei materiali da costruzione più significativi.

In attuazione a quanto disposto dagli artt. 133 e 253 del dlgs 163/2006 (prevedono che entro il 30 giugno di ogni anno il Mit rilevi con proprio decreto le variazioni percentuali dei singoli prezzi dei materiali da costruzione più significativi), il decreto rileva che il prezzo dei materiali da costruzione più significativi nell’anno 2017, rispetto all’anno 2016, non ha subito variazioni percentuali superiori al 10%, in aumento o in diminuzione.

Ricordiamo che prezzi medi e variazioni percentuali annuali sono utilizzati come riferimenti per la determinazione delle compensazioni relative ai materiali da costruzione impiegati nelle lavorazioni, qualora il prezzo dei singoli materiali subisca variazioni superiori al 10 % rispetto al prezzo rilevato dal Ministero nell’anno di presentazione dell’offerta.

La compensazione è determinata applicando la percentuale di variazione che eccede il 10% al prezzo dei singoli materiali e nel limite delle risorse previste tra imprevisti e le somme relative al ribasso d’asta.

Prezzi materiali da costruzione, la tabella con le variazioni percentuali

Di seguito la tabella con le variazioni dei materiali, dal 2003 al 2017:

Periodo [2003-2004]

Profilati in acciaio a caldo + 39,42%
Tubazioni in ferro + 18,57%
Ferro – acciaio tondo per cemento armato + 41,30%
Rete elettrosaldata + 41,30%
Ferro profilato a freddo + 41,16%
Lamiere in ferro + 29,61%
Lamiere zincate + 25,70%
Ghisa fusa + 28,16%
Tubazioni in acciaio saldato + 17,14%
Tubazioni in acciaio nero + 17,38%
Acciaio armonico + 33,93%
Fili di rame conduttori + 33,30%
Condutture e tubi in rame + 20,29%

 

Periodo [2004-2005]

Bitume  + 15.47%

 

Periodo [2005-2006]

Filo rame conduttore dn 0,5  + 41,64%
Conduttore e tubi in rame  + 43,93%

 

Periodo [2006-2007]

Filo rame conduttore dn 0,5 mm + 14,09%
Lamiere in acciaio (Corten) + 13,39%

 

Periodo [2007-2008]

Acciaio tondo per cemento armato + 27,50%
Rete elettrosaldata + 15,46%
Laminati in acciaio profilati a freddo  + 22,01%
Lamiere in acciaio di qualsiasi spessore  + 15,80%
Lamiere in acciaio “Corten” + 23,64%
Lamiere in acciaio zincate per lattoneria + 12,12%
Nastri in acciaio per barriere stradali  + 10,83%
Filo di rame conduttori + 15,30%
Travi laminate in acciaio + 14,68%
Tubazioni in ferro senza saldatura  + 11,83%
Fibre in acciaio per rinforzo calcestruzzo + 17,66%
Cemento tipo 325  + 10,36%
Gabbioni in ferro zincato  + 11,28%

 

Periodo [2008-2009]

Ferro – Acciaio tondo per cemento armato  – 26,09%
Rete elettrosaldata  – 21,54%
Laminati in acciaio profilati a freddo  – 19,21%
Lamiere in acciaio di qualsiasi spessore – 16,31%
Lamiere in acciaio “Corten”  – 17,26%
Lamiere in acciaio zincate per lattoneria  – 12,12%
Nastri in acciaio per barriere stradali  – 15,16%
Binari ferroviari  – 17,67%
Tubazione in PVC rigido  – 13,50%
Travi laminate in acciaio  – 17,97%
Filo di rame conduttore  – 20,32%
Profilati in rame – 20,13%
Geotessile tessuto non tessuto  + 11,78%

 

Periodo [2009-2010]

Nessun materiale ha subito variazioni percentuali superiori al 10%

 

Periodo [2010-2011]

Ferro – acciaio tondo per cemento armato + 10,98%
Rete elettrosaldata  + 10,82%
Filo di rame conduttore  + 10,27%
Profilati in rame per lattoneria e lastre  + 13,69%
Bitume  + 12,31%

 

Periodo [2011-2012]

Bitume + 12,87%

 

Periodo [2012-2013]

Nessun materiale ha subito variazioni percentuali superiori al 10%

 

Periodo [2013-2014]

Nessun materiale ha subito variazioni percentuali superiori al 10%

 

Periodo [2014-2015]

Nessun materiale ha subito variazioni percentuali superiori al 10%

 

Periodo [2015-2016]

Nessun materiale ha subito variazioni percentuali superiori al 10%

 

Periodo [2016-2017]

Nessun materiale ha subito variazioni percentuali superiori al 10%

 

Clicca qui per scaricare il decreto 27 marzo 2018

Clicca qui per scaricare PriMus, il software per il computo e contabilità lavori

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *