Prevenzione incendi, le nuove regole tecniche per distributori e depositi di gas naturale

Prevenzione incendi, le nuove regole tecniche per distributori e depositi di gas naturale

Con la Circolare 18/5/2015 i VVF forniscono le nuove regole tecniche per la redazione dei progetti di prevenzione incendi di impianti di distribuzione di tipo l-gnl, l-gnc e l-gnc/gnl per autotrazione e non

I Vigili del Fuoco hanno pubblicato 2 nuove regole tecniche relative a distributori e depositi di gas naturale:

  1. guida tecnica ed atti di indirizzo per la redazione dei progetti di prevenzione incendi relativi ad impianti di distribuzione di tipo L-GNL, L-GNC e L-GNC/GNL per autotrazione
  2. guida tecnica ed atti di indirizzo per la redazione dei progetti di prevenzione incendi relativi ad impianti di alimentazione di gas naturale liquefatto (GNL) con serbatoio criogenico fisso a servizio di impianti di utilizzazione diversi dall’autotrazione

Le regole si applicano agli impianti di nuova realizzazione e a quelli oggetto di modifiche che comportino un aggravio delle preesistenti condizioni di sicurezza antincendio e hanno lo scopo di:

  • minimizzare le cause di rilascio accidentale di gas nonché di incendio e di esplosione
  • limitare, in caso di evento incidentale, danni alle persone
  • limitare, in caso di evento incidentale, danni ad edifici o a locali contigui all’impianto
  • ridurre per quanto possibile la frequenza delle operazioni di riempimento dei serbatoi fissi
  • permettere ai soccorritori di operare in condizioni di sicurezza

Regola tecnica per impianti di distribuzione di tipo L-GNL, L-GNC e L-GNC/GNL per autotrazione

La prima guida si applica agli impianti con serbatoi fissi di capacità complessiva non superiore a 50t delle seguenti tipologie:

  1. impianti di distribuzione di gas naturale compresso (GNC), alimentati da serbatoi fissi di gas naturale liquefatto (GNL), definiti anche come “impianti L-GNC”
  2. impianti di distribuzione di gas naturale liquefatto (GNL), alimentati da serbatoi fissi di GNL, definiti anche come “impianti L-GNL”
  3. impianti di distribuzione di GNL e di GNC, alimentati da serbatoi fissi di GNL, definiti anche come “impianti L-GNC/GNL”;

Regola tecnica per impianti di alimentazione di gas naturale liquefatto (GNL) a servizio di impianti di utilizzazione diversi dall’autotrazione

La seconda guida tecnica si applica ai depositi di GNL in serbatoi fissi con capacità complessiva non superiore a 50 t, per tutti gli usi, con la sola esclusione delle stazioni di rifornimento di gas naturale per autotrazione.

Prevenzione incendi GNL e definizioni

Nelle guide vengono riportate le definizioni degli elementi principali. Di seguito ne riportiamo alcune:

  • gas naturale (GN): fluido combustibile incolore, inodore, costituito da una miscela di idrocarburi, principalmente metano e che può contenere anche etano, propano ed altri idrocarburi. Generalmente può anche includere piccole quantità di gas inerti come l’azoto e l’anidride carbonica e tracce di altri costituenti
  • gas naturale liquefatto (GNL): gas naturale allo stato liquido
  • gas naturale compresso (GNC): gas naturale in forma gassosa a pressione maggiore di quella atmosferica
  • impianto di distribuzione L- GNL: complesso costituito da attrezzature, componenti ed accessori finalizzati alla distribuzione del GNL per autotrazione, alimentato da un serbatoio fisso di GNL, installato in una stazione di rifornimento
  • impianto di distribuzione L-GNC: complesso costituito da attrezzature, componenti ed accessori finalizzati alla distribuzione del GNC per autotrazione, alimentato da un serbatoio fisso di GNL, installato in una stazione di rifornimento
  • impianto di distribuzione L-GNC/GNL: complesso costituito da attrezzature, componenti ed accessori finalizzati alla alimentazione di GNL e di GNC per autotrazione, alimentato da un serbatoio fisso di GNL, installato in una stazione di rifornimento
  • capacità di un serbatoio: volume geometrico interno del serbatoio
  • capacità utile di un serbatoio: massima capacità del serbatoio utilizzabile in sicurezza e definita dal costruttore
  • sistema di contenimento: area idonea a contenere una fuoriuscita accidentale di GNL
  • autocisterna: veicolo idoneo al trasporto di GNL e al rifornimento di un serbatoio fisso
  • impianto di alimentazione: complesso costituito da attrezzature, componenti ed accessori finalizzati alla alimentazione di GNL ad impianti utilizzatori

Clicca qui per scaricare la Circolare VV.F. con le regole tecniche per gli impianti GNL

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *