Potere sanzionatorio Anac: pubblicato in Gazzetta il nuovo regolamento

Pubblicato in Gazzetta il nuovo regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio Anac in materia di contratti pubblici

Sulla Gazzetta Ufficiale n.242 del 16 ottobre 2017 è stato pubblicato il nuovo regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell’Anac, a seguito dell’integrazione dell’art. 6 del citato regolamento.

Con tale Regolamento l’Anac intende disciplinare l’esercizio di quanto previsto dall’art. 213 del dlgs 50/2016.

Delibera Anac

L’Anac con la delibera n. 949 del 13 settembre 2017 modifica l’art. 6 «Fase istruttoria» del citato regolamento con l’aggiunta della seguente  lettera h):

la facoltà per il soggetto responsabile della violazione, nei casi in cui non ricorra in astratto l’ipotesi per l’applicazione di misure interdittive dalla partecipazione alle gare, di aderire al pagamento in misura ridotta previsto dall’art.16 della Legge 689/81 L’intervenuto pagamento, entro 60 giorni dalla contestazione degli addebiti, estingue il procedimento.

Inoltre viene deliberato di applicare il procedimento di oblazione a tutti i casi in cui la violazione accertata, non preveda l’applicazione della misura interdittiva dalla partecipazione alle gare, ovvero ai soli casi in cui non vi sia accertamento dell’elemento soggettivo della gravità della violazione e dunque:

  1. nei confronti dei soggetti che rifiutano od omettono di fornire le informazioni o di esibire i documenti richiesti dall’Autorità; ovvero che hanno fornito informazioni o esibito documenti non veritieri ovvero in ritardo, senza giustificato motivo
  2. nei confronti delle S.A. che omettono o ritardano l’inserimento dei C.E.L. nella banca dati dell’Osservatorio
  3. nei confronti dei soggetti che non ottemperano alla richiesta della S.O.A. volta all’accertamento dei titoli autorizzativi a corredo dei C.E.L. rilasciati da committenti non tenuti all’applicazione del codice
  4. nei confronti dei Rup delle S.A. che omettono o ritardano la comunicazione e trasmissione all’Autorità, ai sensi dell’art. 106, co. 14, e 213, co. 13, del d.l.vo 50/2016, delle varianti in corso d’opera, per i contratti di appalto per lavori, servizi o forniture
  5. nei confronti dei Rup delle S.A. che omettono o ritardano la comunicazione all’Autorità ai sensi dell’art. 213, co. 13, del codice, della nuova scheda tipo, come previsto nella delibera sul contenuto del Casellario, della relazione dettagliata sul comportamento dell’o.e.
  6. nei confronti delle S.A. che omettono o ritardano ai sensi dell’art. 106, co. 8, del d.l.vo 50/2016, in caso di mancata/ritardata comunicazione all’Autorità delle modificazioni al contratto di appalto per lavori, servizi o forniture
  7. nei confronti dei Rup delle S.A., ai sensi dell’art. 107, co. 4, del d.l.vo 50/2016, per l’omessa o ritardata comunicazione all’Autorità, circa le sospensioni di lavori che superino il quarto del tempo contrattuale complessivo

Viene inoltre stabilito di quantificare la sanzione pecuniaria applicabile in misura ridotta in:

  • euro 500 nel caso in cui la violazione contempli il rifiuto o l’omissione (art. 213,c.13, 1° periodo);
  • euro 1000 nel caso in cui la violazione contempli la produzione di dichiarazioni e/o documentazione non veritiere (art. 213,c.13, 2° periodo);

Regolamento Anac

Ricordiamo che il regolamento disciplina il procedimento per l’esercizio del potere sanzionatorio dell’ Anac per l’irrogazione delle sanzioni amministrative, interdittive e pecuniarie.

Il regolamento è suddiviso nelle seguenti 4 parti, per un totale di 61 articoli:

  1. principi e disposizioni comuni
  2. procedimenti sanzionatori per omesse o false comunicazioni all’autorità
  3. procedimenti sanzionatori in materia di comprova dei requisiti di qualificazione e nei confronti delle S.O.A.
  4. disposizioni finali

 

Clicca qui per scaricare lo schema di regolamento Anac

Prova Gratis PriMus-PLATFORM, la prima piattaforma elettronica per il Giornale dei lavori e la Direzione lavori privati e pubblici

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *