Immagine categoria varie e brevi

Posta Elettronica Certificata (PEC): nuove responsabilità affidate agli Ordini e Collegi professionali

Con il Decreto dello Sviluppo Economico del 19 marzo 2013 è stato istituito l’Indice Nazionale degli Indirizzi di Posta Elettronica Certificata (INI-PEC) delle imprese e dei professionisti.

Con il Decreto dello Sviluppo Economico del 19 marzo 2013 pubblicato in Gazzetta il 9 aprile 2013 è stato istituito l’Indice Nazionale degli Indirizzi di Posta Elettronica Certificata (INI-PEC) delle imprese e dei professionisti.
L’INI-PEC, realizzato e gestito dal Ministero dello Sviluppo Economico, costituisce l’elenco di tutti gli indirizzi di posta elettronica certificata di imprese e professionisti che sarà consultabile on-line attraverso semplici criteri di ricerca (codice fiscale o provincia + ragione sociale) senza necessità di autenticazione, da tutti i cittadini.

L’elenco sarà suddiviso in due sezioni:

  • Sezione Imprese
  • Sezione Professionisti

Al costante aggiornamento di tale elenco dovranno contribuire InfoCamere e Ordini professionali con cadenza mensile, comunicando rispettivamente i dati relativi alle Imprese e ai Professionisti di nuova iscrizione, di cessata attività e con eventuali modifiche.
Successivamente l’aggiornamento dell’INI-PEC sarà addirittura giornaliero.

Ricordiamo che la Posta Elettronica Certificata (PEC) è un particolare account di posta elettronica che consente di scambiare messaggi (e documenti allegati) con la massima sicurezza e con lo stesso valore legale della Raccomandata con Ricevuta di ritorno. La PEC garantisce, inoltre, la certezza dell’invio, della consegna, dell’immodificabilità del contenuto e della riservatezza del messaggio, oltre all’identificazione certa della casella mittente.

Clicca qui per scaricare il Decreto dello Sviluppo Economico del 19 marzo 2013

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *