In arrivo il Portale Nazionale delle Classificazioni Sismiche (PNCS)

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa / Salva PDF

Dal CNI i dettagli della nuova procedura e dei moduli implementati per l’accesso al Portale Nazionale delle Classificazioni Sismiche per la gestione del sismabonus

A breve prenderà il via il Portale Nazionale delle Classificazioni Sismiche (PNCS), relativamente agli interventi edilizi che accedono al sismabonus, messo a disposizione dei tecnici abilitati.

Come chiarito nella circolare n. 448/2019 del Consiglio nazionale degli ingegneri (CNI), si tratta di una piattaforma il cui progetto è stato finanziato a valere sul Programma Operativo Nazionale – Governance e Capacità Istituzionale 2014-2020. Nella piattaforma confluiranno i dati di classificazione sismica delle costruzioni per l’accesso e la gestione del sismabonus, ossia la detrazione dalle imposte sui redditi delle spese sostenute in caso di interventi con adozione di misure antisismiche sugli edifici.

Lo scopo della nuova piattaforma è di aumentare il livello di efficienza della gestione delle pratiche per la suddetta agevolazione, ponendo le basi per una banca dati nazionale sulle caratteristiche e sugli interventi di messa in sicurezza del patrimonio edilizio.

Il portale, entrato a regime, sarà accessibile dal progettista per il caricamento delle pratiche di incentivo e dalle Amministrazioni Pubbliche per la gestione delle stesse; consentirà, inoltre, anche la verifica dell’applicazione delle linee guida per la classificazione del rischio sismico e fornirà una stima delle relative agevolazioni.

Si segnala, al riguardo, la nuova circolare del 25 gennaio 2020, n. 479 circa la sperimentazione prototipo del Portale Nazionale delle Classificazioni Sismiche.

Circolare CNI 23 gennaio 2020, n. 478

Nella recente circolare il CNI indica i dettagli della procedura e dei moduli implementati.

In sintesi la procedura informatica che si sta implementando, si compone dei seguenti moduli:

Accesso utente – Identificazione

La procedura consente l’accesso da parte del professionista progettista, implementando sin da subito l’integrazione con il Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPIO).

Gestione pratiche

La possibilità, per il professionista progettista, di creare/modificare la pratica per conto del contribuente / proprietario dell’immobile.

Identificazione dell’immobile

Il popolamento dei dati catastali (foglio, particella, subalterno e coordinate geografiche espresse  tramite latitudine/longitudine di due spigoli opposti della costruzione) avviene attraverso integrazione con i dati del Catasto.

Descrizione dello stato di fatto e dello stato conseguente l’intervento progettato

La procedura consente l’inserimento dei dati generali relativi all’intervento da realizzare ed alla valutazione effettuata dal professionista progettista in merito alla classificazione sismica dell’immobile ante operam e post operam nonché la perizia asseverata e la relazione di collaudo.

Il prototipo elaborato prevede espressamente l’integrazione del portale con le altre basi di dati presenti all’interno della Piattaforma Digitale Nazionale Dati.

 

 

edilus-crs

Clicca qui per scaricare la circolare n. 478/2020

 

2 commenti
  1. Pier Luigi SGUOTTI
    Pier Luigi SGUOTTI dice:

    Un chiarimento sull’utilizzabilità del Sisma bonus nelle zone sismiche 3 individuate dalle regioni non c’è?

    Rispondi
    • Mario Guerriero
      Mario Guerriero dice:

      Ciao Pier Luigi,
      nel rispetto degli indirizzi e criteri generali stabiliti a livello nazionale, ogni Regione ha classificato in modo diverso il proprio territorio, ad esempio adottando solo tre zone (zona 1, 2 e 3) e introducendo, in alcuni casi, delle sotto-zone per meglio adattare le norme alle caratteristiche di sismicità.

      Per questo motivo ti consiglio di consultare la normativa specifica della tua Regione.

      inoltre, per maggiori chiarimenti sul Sismabonus, ti consiglio la lettura del nostro focus di approfondimento al seguente link. Inoltre è possibile scaricare dal nostro portale la guida dell’Agenzia delle Entrate sul Sismabonus.

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *