Polizze assicurative per i cantieri: ecco una guida utile per il direttore dei lavori e per le imprese

L’Associazione dei geometri fiscalisti (Agefis) ha pubblicato “Le polizze assicurative obbligatorie per l’esecutore dell’opera – cenni utili per il direttore dei lavori”.

In base alla norme vigenti, le imprese edili sono spesso chiamate a stipulare polizze assicurative a copertura o fidejussione dei loro impegni assunti in qualità di esecutori di opere.

E la maggior parte di esse sono obbligatorie: ad esempio, in caso di lavori pubblici, l’impresa deve stipulare le seguenti polizze assicurative:

  • fidejussione provvisoria;
  • fidejussione definitiva;
  • fidejussione per svincolo ritenute di garanzia sugli Stati Avanzamento Lavori;
  • Responsabilità Civile verso Terzi ed Operai (RCT-RCO);
  • polizza CAR (Constructor’s All Risks).

Altri tipi di polizze sono inoltre previste dalla Legge 210/2004, come ad esempio quelle a tutela di chi acquista un immobile, ossia la fidejussione a garanzia dell’anticipazione degli acconti versati dall’acquirente all’impresa esecutrice per l’acquisto dell’immobile ancora da costruire e la polizza postuma decennale.

Al fine di aiutare il direttore dei lavori a valutare l’esistenza, l’adeguatezza e la correttezza delle polizze sottoscritte dalle imprese con cui lavora, l’Associazione dei geometri fiscalisti (Agefis) ha pubblicato la guida “Le polizze assicurative obbligatorie per l’esecutore dell’opera – cenni utili per il direttore dei lavori”, nella quale sono evidenziate le caratteristiche principali delle stesse.

Nella guida proposta in allegato sono presenti definizioni, casistiche e riferimenti normativi, utili quindi sia alle imprese che ai tecnici chiamati a dirigere i lavori ed a gestire le contabilità di cantiere di lavori pubblici e privati.

Clicca qui per scaricare la guida sulle polizze assicurative

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *