Piano casa: No delle regioni al Decreto Legge, si va verso un Disegno di Legge concordato

In attesa di trovare un accordo con le Regioni, nessun decreto legge sul “Piano Casa” sarà varato dal Consiglio dei Ministri del prossimo venerdì.
Questa è l’unica certezza dopo il confronto nella Conferenza Unificata del 25 marzo scorso a Palazzo Chigi.

In attesa di trovare un accordo con le Regioni, nessun decreto legge sul “Piano Casa” sarà varato dal Consiglio dei Ministri del prossimo venerdì.
Questa è l’unica certezza dopo il confronto nella Conferenza Unificata del 25 marzo scorso a Palazzo Chigi.
Il presidente Vasco Errani spiega: “si aprirà un tavolo per definire un vero e proprio piano casa” che entro martedì 31 marzo definirà i principali aspetti, sia tecnici che di competenza.
Le Regioni “hanno ribadito una sostanziale e generale condivisione di un’iniziativa per l’edilizia privata e per un piano per la casa, ma hanno chiesto e ottenuto dal Governo l’apertura di un tavolo di confronto per studiare nello specifico le misure da attuare e il percorso da seguire, nella consapevolezza che si tratta di intervenire in materia concorrente”.
Sfumata la via breve del Decreto Legge, l’alternativa più plausibile è quella di un disegno di legge concordato con le regioni.

Clicca qui per scaricare la bozza predisposta dal Governo e bocciata dalle regioni
Clicca qui per scaricare il D.D.L. approvato dalla Giunta Regionale Veneta

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *