OK dalla Camera per il Decreto Sviluppo. Ecco le principali disposizioni su Piano Casa, fabbricati rurali, ganasce fiscali e credito d’imposta

Il Decreto Sviluppo è stato approvato dalla Camera il 21 giugno 2011 e passa al Senato per il via libera definitivo che dovrebbe arrivare entro il 12 luglio.

Il Decreto Sviluppo è stato approvato dalla Camera il 21 giugno 2011 e passa al Senato per il via libera definitivo che dovrebbe arrivare entro il 12 luglio.
Vediamo brevemente alcuni aspetti salienti del provvedimento dopo l’approvazione della Camera.

Piano Casa
I proprietari di immobili residenziali in aree degradate potranno aumentare la volumetria fino al 20%. Nel caso di immobili destinati ad altri usi il premio volumetrico si riduce al 10%. Le Regioni hanno 60 giorni di tempo per adeguarsi; scaduto il termine di 120 giorni, le disposizioni saranno immediatamente operative.

Fabbricati rurali
Fissate nuove modalità per ottenere il riconoscimento della ruralità dei fabbricati a fini catastali. Gli interessati dovranno presentare all’Agenzia del Territorio, entro il 30 settembre 2011, una domanda di variazione della categoria catastale (per l’attribuzione della categoria A/6 per gli immobili rurali ad uso abitativo o della categoria D/10 per quelli ad uso strumentale), autocertificando che il fabbricato ha posseduto continuativamente per cinque anni i requisiti necessari. L’agenzia, entro il 20 novembre 2011, fatti i dovuti controlli, convalida la certificazione e attribuisce la categoria catastale richiesta. Se l’amministrazione non si pronuncia, il contribuente può assumere provvisoriamente per 12 mesi la categoria richiesta. Se entro il 20 novembre 2012 l’Agenzia del Territorio, con provvedimento motivato, disconosce l’attribuzione, il contribuente deve pagare le imposte non versate, gli interessi e le sanzioni raddoppiate. Le modalità applicative della disposizione saranno fissate con decreto ministeriale.

Bonus assunzioni per il Mezzogiorno
Le imprese che assumono lavoratori “svantaggiati” nel Mezzogiorno otterranno un credito d’imposta sui costi salariali sostenuti nei dodici mesi successivi all’assunzione.

Soppressi i diritti di superficie per le spiagge
Soppresso il diritto di superficie sulle spiagge che era previsto nelle versioni precedenti. Per rilanciare il turismo, è prevista l’istituzione di “distretti turistico-alberghieri” con una serie di agevolazioni fiscali e burocratiche.

Limiti a ganasce fiscali
Per i debiti fiscali fino a 2.000 Euro Equitalia non potrà procedere alla riscossione coattiva delle somme iscritte a ruolo senza prima aver inviato al contribuente due solleciti, intervallati l’uno dall’altro da un periodo di almeno 6 mesi. Dal primo gennaio 2012 Equitalia cesserà di riscuotere gettito fiscale per i Comuni.

Oppressione fiscale
Vengono abolite le comunicazioni all’Agenzia delle Entrate che riguardano le ristrutturazioni soggette a detrazione del 36%. Cancellato l’obbligo di comunicazione annuale dei dati relativi a detrazioni per familiari a carico, tranne nel caso di variazioni. Gli acquisti di importo superiore a 3.000 euro non dovranno essere comunicati all’amministrazione fiscale in caso di pagamento con carte di credito o bancomat.

Authority per l’acqua
Il decreto istituisce l’Agenzia Nazionale di Vigilanza sulle Risorse Idriche, che avrà il compito di regolare le tariffe e di tutelare gli utenti.

Clicca qui per scaricare la versione approvata dalla Camera del Decreto Sviluppo

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *