Obbligo di impianti rinnovabili: i regolamenti edilizi anticipano la scadenza del 2011

La Legge di conversione del recente Decreto “Milleproroghe” ha rinviato al 1° gennaio 2011 il termine a partire dal quale i regolamenti edilizi comunali dovranno imporre l’installazione di impianti per la generazione di elettricità da fonti rinnovabili nei nuovi edifici (almeno 1 kW per unità abitativa; 5 kW per i fabbricati industriali oltre i 100 metri quadrati).

La Legge di conversione del recente Decreto “Milleproroghe” ha rinviato al 1° gennaio 2011 il termine a partire dal quale i regolamenti edilizi comunali dovranno imporre l’installazione di impianti per la generazione di elettricità da fonti rinnovabili nei nuovi edifici (almeno 1 kW per unità abitativa; 5 kW per i fabbricati industriali oltre i 100 metri quadrati).
Sono circa 600, tuttavia, i Comuni che hanno già provveduto a modificare i regolamenti edilizi, estendendo, in alcuni casi, l’obbligo del ricorso alle fonti rinnovabili anche in caso di interventi su edifici esistenti.
Vediamo alcuni esempi.

Il Regolamento per l’edilizia bioecosostenibile in vigore a Empoli e in altri 14 Comuni toscani:

  • di soddisfare almeno il 50% (il 20% nei centri storici e per gli edifici tutelati) del fabbisogno di acqua calda sanitaria con l’utilizzo di fonti rinnovabili
  • l’installazione di impianti alimentati da fonti rinnovabili con potenza nominale di almeno 1 kW per ogni unità abitativa in caso di ristrutturazioni totali, ampliamenti con creazione di nuovi alloggi e rifacimento degli impianti.

Il Comune di Torino impone l’installazione di sistemi automatici di regolazione e contabilizzazione del calore (per gli edifici con il riscaldamento centralizzato) in caso di:

  • sostituzione del generatore;
  • allacciamento alla rete di teleriscaldamento urbano;
  • rifacimento di almeno il 70% della rete di distribuzione del calore.

Il regolamento edilizio di 13 Comuni della provincia di Lecco prevede, per interventi di ristrutturazione e manutenzione straordinaria che comportano la sostituzione degli infissi, l’impiego di serramenti aventi una trasmittanza non superiore a 2,3 Wm2/K in zona E e 2,07 in zona F. Per le nuove costruzioni è prevista la realizzazione di tetti verdi.

Clicca qui per scaricare i regolamenti edilizi citati

 
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *