Obbligo dei contratti d’appalto in modalità elettronica: arrivano le linee guida su come operare

Il documento fornisce le indicazioni per affrontare i diversi aspetti operativi e organizzativi derivanti dalla stipula in modalità elettronica dei contratti pubblici relativi ad appalti e concessioni di lavori, servizi e forniture.

L’articolo 11, comma 13 del D.Lgs. 163/2006 (Codice dei Contratti, come modificato dal D.L. 179/2012) stabilisce che dal primo gennaio 2013 i contratti d’appalto debbano essere stipulati, a pena di nullità, con atto pubblico notarile informatico, ovvero in modalità elettronica secondo le norme vigenti.
Con circa un anno di ritardo rispetto alla scadenza, la Conferenza unificata nella seduta del 5 dicembre 2013 ha definito le modalità di stipula dei contratti elettronici con apposite linee guida.

Il documento fornisce le indicazioni per affrontare i diversi aspetti operativi e organizzativi derivanti dalla stipula in modalità elettronica dei contratti pubblici relativi ad appalti e concessioni di lavori, servizi e forniture.

Secondo le nuove regole, il contratto deve essere generato tramite l’uso di software o attraverso l’acquisizione informatica del contratto cartaceo su supporto informatico.
Il contratto stipulato in modalità elettronica deve assumere le caratteristiche di integrità e immodificabilità, in modo che forma e contenuto non siano alterabili e ne sia garantita l’integrità nella fase di conservazione.

Le tipologie di firma elettronica da utilizzare sono

  • la firma digitale
  • la firma elettronica qualificata
  • la firma elettronica avanzata

Per garantire l’interoperabilità, l’accesso e la leggibilità dei documenti elettronici, i documenti dovranno essere preferibilmente in uno dei seguenti formati

  • pdf
  • rtf
  • txt
  • jpeg
  • xml

Vengono, inoltre, fornite indicazioni in merito a

  • firma digitale del pubblico ufficiale rogante
  • firme elettroniche qualificate e digitali
  • acquisizione digitale della sottoscrizione autografa
  • atto pubblico amministrativo a mezzo Ufficiale Rogante
  • scritture private autenticate
  • scrittura privata
  • aggregato documentale informatico

Clicca qui per scaricare la bozza di intesa del contratto informatico

 
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *