Nuovo regolamento antincendio. Semplificazione delle procedure

Il 3 marzo 2011 il Consiglio dei Ministri ha approvato in via preliminare una bozza di Decreto contenente un primo pacchetto di interventi di semplificazione in materia di prevenzione degli incendi e di tutela dell’ambiente che semplifica le procedure inerenti i controlli per la prevenzione degli incendi e per la verifica delle condizioni di sicurezza antincendio.

Il 3 marzo 2011 il Consiglio dei Ministri ha approvato in via preliminare una bozza di Decreto contenente un primo pacchetto di interventi di semplificazione in materia di prevenzione degli incendi e di tutela dell’ambiente che semplifica le procedure inerenti i controlli per la prevenzione degli incendi e per la verifica delle condizioni di sicurezza antincendio.

Grazie al regolamento risulteranno semplificati i seguenti procedimenti amministrativi nel settore della prevenzione incendi e nel settore delle autorizzazioni ambientali:

  • richiesta del parere di conformità sul progetto
  • certificato di prevenzione incendi
  • rinnovo del certificato di prevenzione incendi
  • registro dei controlli
  • autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali
  • documentazione di impatto acustico

Il regolamento suddivide le attività sottoposte a controllo dei VV.F. in tre categorie (A, B, C), per le quali è prevista una disciplina differenziata in funzione al rischio. In particolare:

  • Categoria A – attività a basso rischio e standardizzate: viene eliminato il parere di conformità sul progetto. Si potrà avviare direttamente l’attività tramite SCIA; il controllo con sopralluogo sarà effettuato a campione entro 60 gg. Sarà rilasciata, su richiesta, copia del verbale della visita tecnica.
  • Categoria B – attività a medio rischio: il parere di conformità dovrà essere rilasciato entro 60 gg, trascorsi i quali si potrà avviare l’attività tramite SCIA; il controllo con sopralluogo sarà effettuato a campione entro 60 gg. Sarà rilasciata, su richiesta, copia del verbale della visita tecnica.
  • Categoria C – attività ad elevato rischio: il parere di conformità dovrà essere rilasciato entro 60 gg, trascorsi i quali si potrà avviare l’attività tramite SCIA. Il sopralluogo sarà effettuato entro 60 gg. E verrà rilasciato il C.P.I.

È previsto il blocco dell’attività in assenza dei requisiti di sicurezza richiesti.
Lo schema di decreto prevede infine il rinnovo periodico ogni 5 anni della conformità antincendio, attraverso una dichiarazione del titolare delle attività (da inviare ai Vigili del Fuoco) che attesti l’assenza di variazioni alle condizioni di sicurezza, corredata da documentazione tecnica.
La bozza di regolamento non si applica alle attività industriali a rischio di incidente rilevante per le quali rimane l’obbligo della presentazione del rapporto di sicurezza previsto dal decreto 334/99.

Clicca qui per scaricare il nuovo schema di Regolamento di Prevenzione Incendi

 
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *