Scambio sul posto, arrivano le nuove Regole tecniche 2016 del GSE

Scambio sul posto, il GSE ha pubblicato le nuove Regole tecniche per il calcolo del contributo a partire dal 2016

Il GSE ha pubblicato le nuove Regole tecniche al fine di stabilire i criteri per il calcolo del contributo per lo scambio sul posto dell’energia elettrica a partire dall’anno 2016, ai sensi dell’articolo 12 dell’Allegato A alla delibera 570/2012/R/efr e s.m.i.

Scambio sul posto, cos’è

Lo scambio sul posto è il meccanismo attraverso il quale viene valorizzata l’elettricità generata dall’impianto fotovoltaico e immessa nella rete elettrica: consente al produttore di realizzare una specifica forma di autoconsumo immettendo in rete l’energia elettrica prodotta ma non direttamente autoconsumata, per poi prelevarla in un momento differente da quello in cui avviene la produzione.

Come disciplinato dalla delibera 570/2012/R/efr, il GSE ha il compito di gestire le attività connesse allo scambio sul posto e di erogare il contributo in conto scambio per il produttore che ne ha presentato richiesta.

Si tratta del rimborso di una parte degli oneri sostenuti dall’utente per il prelievo di energia elettrica dalla rete: il contributo è determinato dal GSE tenendo conto delle peculiari caratteristiche dell’impianto e dei profili di consumo (prelievo) teorici e standard attribuiti a ciascun utente dello scambio; è calcolato, inoltre, sulla base delle informazioni che i gestori di rete sono tenuti ad inviare periodicamente al GSE.

Scambio sul posto, le nuove Regole tecniche

Di seguito riportiamo l’elenco degli argomenti trattati nelle nuove Regole tecniche:

  • soggetti ammessi e i requisiti per l’accesso al servizio di scambio sul posto
  • flussi informativi con i gestori di rete e Terna
  • struttura dei corrispettivi regolati
  • definizioni
  • modelli di determinazione del contributo in conto scambio
  • tempistiche di pubblicazione sul portale informatico e pagamento del contributo in conto scambio in acconto e a conguaglio e dei corrispettivi amministrativi
  • gestione delle anomalie e comunicazioni
  • indicatori relativi al servizio di scambio sul posto

Le principali novità, come chiarito dal GSE, riguardano:

  • i soggetti ammessi ed i requisiti di accesso
  • i modelli di determinazione del contributo
  • le tempistiche di pubblicazione

 

Clicca qui per scaricare le nuove Regole Tecniche

Clicca qui per conoscere Solarius, il software ACCA per la progettazione di impianti fotovoltaici

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

1 commento
  1. antonio giusti
    antonio giusti dice:

    buongiorno vedo come sempre regole per fare cassa non vedo mai qualcosa che faccia recuperare il capitale investito all’utente fatemi vedere il beneficio che concede uno stato che ha bisogno di investire sulle rinnovabili in questo caso il fotovoltaico .
    quante leggi e norme cambiate dal preventivo all’istallazione persino il prestito predestinato in banche convenzionate no al nome dell’impianto ma nome del povero cristo con regole di tutela stato o gse il prestito da intestare al proprietario dell’immobile il ricavato alla rete per il gse ancora un servizio con un terzo passaggio di favore come succede sempre il pagamento del prestito a discapito del povero cristo adesso anche il pagamenti per chi legge i dati certo il proprietario non sa legge gli automatismi servono a fare reddito come dice spesa per calcolo produzione utenze regione lazio abruzzo molise bei furbetti ma per favore smettetela la banca doveva pagarla il prodotto dell’impianto invece paga ciccio mi richiedono un tetto nuovo a norma per tenere l’impianto protetto ogni anno va pulito costo 500 euro di favore 17 rate scoperte in banca il finanziamento per il tetto come suggerito dalla legge e dettato dai vostri venditori le cifre detraibili adeguate alle specifiche detraibili nuovo impianto linea altamente sicura altra banca da pagare 96 mila euro investiti risparmi liquidazione volatizzati per ascoltare le pubblicazioni di uno stato ladro ma lotterò forse perdo la casa ma qualcuna pagherà e non finisce qui devo pagare persino la corrente per produrne altra il controsenso se non paghi ti staccano ti multano ti fanno pagare interessi e quale colpa ho io di avermi fatto raggirare dal gse e dall’enel oltre dal governo

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *