Obbligatoria da ottobre 2017 la nuova versione Docfa 4.00.4. Ecco i dettagli

Disponibile Docfa 4.00.4, la nuova versione del software per l’aggiornamento del catasto fabbricati. Tra le novità l’ammissione degli agrotecnici

Sul sito dell’Agenzia delle Entrate è disponibile la nuova versione di Docfa 4.004 per la compilazione dei documenti tecnici catastali, obbligatoria da ottobre 2017.

Docfa è il software messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate per la compilazione del modello di “Accertamento della Proprietà Immobiliare Urbana”, ossia il modello con cui presentare al Catasto:

  • dichiarazioni di fabbricato urbano o nuova costruzione (accatastamento)
  • dichiarazioni di variazione e di unità afferenti ad enti urbani

Periodo transitorio

La nuova versione sarà obbligatoria a partire dal mese di ottobre 2017; l’utilizzo della precedente, Docfa 4.00.3, potrà essere utilizzata in via transitoria solo fino a fine settembre.

Tuttavia, la versione 4.00.3 non consentirà la predisposizione di documenti idonei all’accettazione presso gli Uffici Provinciali competenti per territorio; sarà utilizzata con la sola eccezione delle dichiarazioni finalizzate all’aggiornamento dei dati censuari relativi ai beni immobili costituenti infrastrutture di reti pubbliche di comunicazione (cat. F/7), per le quali si dovrà, invece, utilizzare, a far data dal 3 luglio 2017, esclusivamente la nuova versione 4.00.4 del software.

Aggiornamenti nel Docfa 4.00.4

Di seguito le novità previste nella nuova versione Docfa 4.00.4:

  • inserimento della categoria professionale degli agrotecnici nell’elenco dei tecnici abilitati a presentare gli atti di aggiornamento
  • introduzione di una nuova categoria catastale denominata F/7 “Infrastrutture di reti pubbliche di comunicazione” nella quale possono essere censite, senza attribuzione di rendita catastale, ma con descrizione dei caratteri specifici della destinazione d’uso, le infrastrutture di reti pubbliche di comunicazione, oggetto di dichiarazione in catasto”
  • aggiornamento delle tabelle di correlazione fra le Categorie catastali dei gruppi D ed E e le specifiche destinazione d’uso delle unità immobiliari
  • eliminazione del blocco che impedisce la chiusura della pratica Docfa per assenza dell’elaborato planimetrico e per la mancata associazione alle entità tipologiche nell’elenco subalterni per il solo caso di nuova costruzione di una unica unità immobiliare sull’intera particella (una sola area libera [AL] e un solo corpo di fabbricato [CF1])
  • aggiornamento del menù a tendina delle entità tipologiche con incremento del numero dei CF associabili (da CF1 a CF9)
  • inserimento nei campi “Rendita catastale” e “Valore complessivo” del quadro H2, della cifra in “euro”

Docfa e agrotecnici

Tra gli aggiornamenti previsti, l’estensione dell’abilitazione a compiere una serie di operazioni in materia catastale anche alla categoria professionale degli agrotecnici.

Con l’entrata in vigore (29 agosto 2017) della nuova legge annuale per il mercato e la concorrenza anche gli agrotecnici possono, quindi, elaborare le pratiche catastali (con Docfa e Pregeo). Al comma 151 della legge 124/2017 si ha:

Il comma 96 dell’articolo 145 della legge 23 dicembre 2000, n. 388, si interpreta nel senso che gli atti catastali, sia urbani che rurali, possono essere redatti e sottoscritti anche dai soggetti in possesso del titolo di cui alla legge 6 giugno 1986, n. 251.

 

Clicca qui per scaricare Docfa dall’Agenzia delle Entrate

Clicca qui per scaricare DeCuis, il software per le successioni e le volture catastali

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *