Nuova guida delle Entrate sui controlli delle dichiarazioni dei contribuenti

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa / Salva PDF

Le Entrate hanno pubblicato una nuova guida sulle comunicazioni relative alle attività di controllo delle dichiarazioni dei contribuenti

Pubblicata la nuova guida dell’Agenzia delle Entrate dal titolo:“Comunicazioni sui controlli delle dichiarazioni”.

Le tipologie di controllo sulle dichiarazioni

L’attività di controllo sulle dichiarazioni dei contribuenti, effettuata dagli uffici dell’Agenzia, è finalizzata a verificare la correttezza dei dati in esse riportati ed è di due tipi:

  • automatica;
  • formale.
CONTROLLOA QUALI DICHIARAZIONI SI APPLICAIN COSA CONSISTE
automaticoa tutte le dichiarazioni presentateprocedura automatizzata di liquidazione di imposte, contributi, premi e rimborsi, sulla base dei dati e degli elementi direttamente desumibili dalle dichiarazioni e di quelli risultanti nell’Anagrafe tributaria
formalealle dichiarazioni dei redditi selezionate a livello centrale in base a criteri fondati sull’analisi del rischioriscontro dei dati indicati nella dichiarazione con i documenti che attestano la correttezza dei dati dichiarati

Comunicazioni al contribuente

Prima dell’iscrizione a ruolo dei tributi derivanti:

  • dalla liquidazione delle imposte risultanti dalle dichiarazioni
  • dai controlli formali

il contribuente deve essere informato e invitato eventualmente a fornire chiarimenti o a produrre documenti.

In pratica, prima di far recapitare al contribuente la cartella di pagamento, quando dall’attività di controllo emerge una maggiore imposta rispetto a quella indicata nella dichiarazione, il contribuente riceve una comunicazione nella quale sono riportate le maggiori somme dovute con le relative sanzioni e gli interessi.

Di seguito una tabella con termini e sanzioni per regolarizzare le comunicazioni.

TIPO DI COMUNICAZIONETERMINESANZIONE
Invito per errori formali (non incidenti sul pagamento del tributo)entro 30 giorni dal ricevimento dell’invitoNessuna
Comunicazione relativa agli esiti del controllo automaticoentro 30 giorni dal ricevimento dell’unica o ultima comunicazione10% dell’imposta (sanzione ordinaria del 30% ridotta a 1/3)
Comunicazione dell’imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separataNessuna
Comunicazione relativa agli esiti del controllo formaleentro 30 giorni dal ricevimento della prima comunicazione20% dell’imposta (sanzione ordinaria del 30% ridotta a 2/3)

Come rateizzare

Le somme richieste con le comunicazioni di irregolarità possono essere rateizzate con le seguenti modalità:

  • fino a 5.000 euro, le somme possono essere pagate in un numero massimo di 8 rate trimestrali di pari importo;
  • oltre 5.000 euro, le somme possono essere pagate in un numero massimo di 20 rate trimestrali di pari importo.

La prima rata va versata entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione.

 

decuius
decuius

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *