In arrivo la nuova etichetta energetica per elettrodomestici

Dal 2021 gli elettrodomestici in commercio avranno la nuova etichetta energetica “UE smart”, con scala colori e codice a barre

Arriverà nel 2021 la nuova etichetta “UE smart”, relativa all’efficienza energetica degli elettrodomestici che saranno immessi sul mercato europeo.

Etichette energetiche

Ricordiamo che le etichette energetiche servono a classificare i prodotti in base al loro consumo energetico; si va dalla classe A (verde), la più efficiente, alla classe G (rosso), quella a maggiore consumo. Attualmente la maggior parte dei prodotti raggiungono la classe A, che è  suddivisa ulteriormente in 3 sotto-classi: A+, A++ e A+++.

Le etichette consentono, quindi, di scegliere tra i prodotti in commercio, quelli che consumano meno energia e permettono così un risparmio anche economico.

Hanno l’obbligo di etichettatura gli apparecchi nell’UE per i quali esiste un’apposita normativa in materia; l’etichetta deve figurare in modo visibile su ciascun apparecchio esposto nel punto vendita.

La direttiva si applica agli apparecchi e qualsiasi altro prodotto che durante l’uso possa avere un impatto diretto o indiretto sul consumo di energia e di altre potenziali risorse, vale a dire ai prodotti connessi all’energia. Non si applica ai prodotti di seconda mano o ai mezzi di trasporto per persone o merci.

Nuova etichetta energetica

La Commissione Europea ha approvato il formato finale delle nuove etichette, più semplice ed intelligente, da applicare a:

  • lavastoviglie
  • lavatrici
  • frigoriferi
  • lampade
  • display elettronici compresi televisori

Nasce anche la nuova etichetta specifica per frigoriferi a uso commerciale.

Le novità della nuova etichetta energetica

Data la crescente efficienza energetica di numerosi prodotti, gran parte degli elettrodomestici sono classificati A+, A++ e A+++, creando non poca confusione tra i consumatori, si è deciso di eliminare queste classificazioni.

Il nuovo sistema ritornerà alla classificazione tradizionale da A a G (senza le classi aggiuntive A+, A++ e A+++); ci sarà una scala unica in 7 colori, dalla A alla G, e un codice a barre che consentirà ai consumatori di ottenere informazioni aggiuntive non commerciali mediante un’applicazione sullo smartphone.

I colori di performance rimarranno sempre gli stessi: dal verde brillante segno di massima efficienza (A) al rosso (G).

Il QRcode, codice a barre, fornirà informazioni di performance degli elettrodomestici sempre aggiornate, che siano energetiche o di consumo di risorse come l’acqua (ad esempio nel caso di lavatrici e lavastoviglie): in pratica si tratta di “etichette parlanti” connesse e aggiornate in rete, il data base su cui i cittadini leggeranno le caratteristiche del prodotto che vogliono acquistare, privo di pubblicità e disponibile su un sito neutro messo a disposizione dall’Unione Europea.

In tal modo sarà possibile confrontare i prodotti avendo accesso ad informazioni inerenti:

  • il consumo di elettricità
  • la quantità d’acqua per ciclo di lavaggio
  • la capacità di stoccaggio
  • il rumore emesso
  • ecc.

Si attende ora l’approvazione dell’ “ecodesign”, prevista per luglio prossimo.

 

Clicca qui per accedere al sito della Commissione Europea

 


Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *