Immagine categoria varie e brevi

Novità per il Codice della Strada: attenzione alle nuove regole ed alle sanzioni!

A partire da gennaio 2013 le multe per contravvenzione sono tutte più salate.

Il Codice della Strada, Decreto Legislativo 30 aprile 1992, n. 285, ha subito diverse modifiche normative intervenute nel corso del 2012; a partire da gennaio 2013 le multe per contravvenzione sono tutte più salate.

Ecco alcuni esempi più comuni di infrazioni al Codice della strada con i nuovi minimi di multa previsti:

  • Divieto di sosta (art. 158): passa da 39 a 41 euro
  • Mancato uso del casco o della cintura (art. 171 e 172) : passa da 76 a 80 euro
  • Attraversamento con il semaforo rosso (art. 41): passa da 154 a 162 euro
  • Uso del cellulare alla guida (art. 173): passa da 152 a 160 euro
  • Veicolo non assicurato (art. 193): passa da 789 a 841 euro

A partire dal 19 gennaio 2013, inoltre, sono entrate in vigore alcune modifiche per quanto riguarda la guida di macchine agricole ed operatrici.
Viene stabilito infatti, che per guidare tali mezzi, tranne alcune eccezioni, è necessario aver ottenuto una delle specifiche patenti previste dall’articolo 116 comma 3 del CdS. Ad esempio, per le macchine operatrici eccezionali, è necessaria la patente Cat. C1 (o altra patente che la comprenda).

Il Ministero dell’Interno ha diramato le due Circolari che illustrano le novità introdotte e forniscono le prime istruzioni operative.
A questa notizia, oltre alle due Circolari del Ministero, alleghiamo il testo coordinato del nuovo Codice della Strada.

Clicca qui per scaricare il testo coordinato del nuovo Codice della Strada
Clicca qui per scaricare la Circolare del Ministero dell’Interno del 31 dicembre 2012
Clicca qui per scaricare la Circolare del Ministero dell’Interno del 25 gennaio 2013 e relativi allegati

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *