Norme Tecniche: definitivamente approvato il Milleproroghe che fa chiarezza sul regime transitorio

Dal prossimo 5 marzo per gli edifici strategici solo le nuove Norme.

Il Decreto 14 gennaio 2008 “Approvazione delle nuove norme tecniche per le costruzioni” è stato pubblicato sul Supplemento Ordinario n. 30 della Gazzetta Ufficiale n. 29 del 4.02.2008.
Le norme approvate con tale provvedimento, che sostituiscono quelle approvate con il D.M. 14 settembre 2005, entreranno in vigore trenta giorni dopo la pubblicazione, cioè il prossimo 5 marzo.
L’art. 20 del Decreto Legge 248/2007 (c.d. Milleproroghe) disciplina il periodo transitorio per l’applicazione delle norme tecniche per le costruzioni.
Il 27 febbraio scorso il Senato ha approvato la legge di conversione del citato D.L. 248/2007, che apporta alcune sostanziali modifiche al testo originario del provvedimento.
Secondo la nuova formulazione dell’articolo 20 viene prorogato al 30 giugno 2009 il periodo transitorio per il D.M. 14 settembre 2005, scaduto lo scorso 31 dicembre (termine di cui al comma 2-bis dell’articolo 5 del decreto-legge 28 maggio 2004, n. 136, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 luglio 2004, n. 186, e successive modificazioni, già prorogato al 31 dicembre 2007, ai sensi dell’articolo 3, comma 4-bis, del decreto-legge 28 dicembre 2006, n. 300, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 febbraio 2007, n. 17).
Sempre secondo la nuova versione dell’art. 20, nei 18 mesi seguenti all’entrata in vigore delle norme tecniche approvate con il D.M. 14 gennaio 2008, sarà possibile applicare:

  • le norme approvate con il il D.M. 14 gennaio 2008
  • le norme approvate con il il D.M. del 14 settembre 2005
  • le norme approvate con i decreti del Ministro dei lavori pubblici 20 novembre 1987, 3 dicembre 1987, 11 marzo 1988, 4 maggio 1990, 9 gennaio 1996 e 16 gennaio 1996.

Quanto precedentemente affermato non è vero per le verifiche tecniche e le nuove progettazioni degli interventi relativi a:

  • edifici di interesse strategico e alle opere infrastrutturali la cui funzionalità durante gli eventi sismici assume rilievo fondamentale per le finalità di protezione civile (caserme, autostrade, strade statali, etc.)
  • edifici ed opere infrastrutturali la cui funzionalità durante gli eventi sismici assume rilevanza in relazione alle conseguenze di un eventuale collasso (edifici pubblici, edifici suscettibili di grande affollamento, etc.)

L’elenco completo degli edifici e delle opere per le quali è obbligatoria l’adozione delle norme tecniche approvate con il D.M. 14 gennaio 2008 è disponibile in allegato.
Il 3° comma dell’art. 20, inoltre, prevede che: “Per le costruzioni e le opere infrastrutturali iniziate, nonché per quelle per le quali le amministrazioni aggiudicatrici abbiano affidato lavori o avviato progetti definitivi o esecutivi prima dell’entrata in vigore della revisione generale delle Norme tecniche per le costruzioni approvate con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti 14 settembre 2005, continua ad applicarsi la normativa tecnica utilizzata per la redazione dei progetti, fino all’ultimazione dei lavori e all’eventuale collaudo.”
La legge di conversione del Milleproroghe è ora in attesa di pubblicazione.

Documento Dimensione Formato
Testo approvato alla Camera dei Deputati del Milleproroghe 525 Kb PDF
Testo delle nuove N.T.C. approvate con D.M. 14 gennaio 2008 5,12 Mb PDF compresso (.zip)
Elenco completo degli edifici e delle opere per le quali è obbligatoria l’adozione delle norme tecniche approvate con il D.M. 14 gennaio 2008 (Allegato 1 D. P.C.M. 21 ottobre 2003) 12 Kb PDF
 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *