Sicurezza antincendio strutture sanitarie, i chiarimenti dei VV.F.

Normativa antincendio e regola tecnica orizzontale: il quadro della situazione

Normativa antincendio e regola tecnica orizzontale: ecco quanto emerge dal sondaggio condotto dal CNI

Il dm 3 agosto 2015

Da quasi un anno è in vigore il nuovo decreto di prevenzione incendi dm 3 agosto 2015 Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi, ai sensi dell’art. 15 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139.

Il provvedimento contiene disposizioni applicabili a molte delle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi, contenute nell’allegato I del dpr 1° agosto 2011, n. 151.

Lo studio del CNI

Il CNI ha predisposto un sondaggio per rilevare le opinioni dei professionisti sulle nuove “Norme tecniche di prevenzione incendi”.

Lo scopo è:

  • cogliere i vantaggi e le eventuali problematiche emerse nell’utilizzo del Codice per la progettazione antincendio
  • verificare il livello di gradimento
  • recepire le proposte di miglioramento

I risultati definitivi saranno pubblicate discussi dal CNI in futuro.

Ad ora analizziamo la situazione emersa al momento sullo stato di applicazione della nuova normativa antincendio (regola tecnica orizzontale).

Conosci il Codice di prevenzione incendi “D.M. 03/08/2015 – Norme tecniche di prevenzione incendi”?

  • SI: 71.4%
  • NO: 28.6%

Se hai avuto l’opportunità di progettare con il Codice di prevenzione incendi (D.M. 03/08/2015), con quale esito?

  • Non ci ho neanche provato e ho progettato con i criteri generali di prevenzione incendi: 50.9%
  • Ci ho provato, ma ho avuto delle difficoltà ed ho rinunciato: 10.5%
  • Ho progettato con il Codice, ma è stato impegnativo: 24.4%
  • Ho progettato con il Codice, senza particolari difficoltà: 14.3%

Se hai progettato con il Codice, quali benefici ne ha ottenuto l’attività rispetto all’approccio tradizionale?

  • Le soluzioni e le misure adottate, sono state più gravose rispetto al metodo tradizionale: 18.9%
  • Non sono emerse particolari differenze e/o vantaggi per l’attività rispetto al metodo tradizionale: 41.7%
  • Ho riscontrato evidenti vantaggi per l’attività rispetto al metodo tradizionale: 39.4%

Progettando con il Codice hai utilizzato soluzioni progettuali

  • Solo soluzioni conformi: 57.7%
  • Sia soluzioni conformi che soluzioni alternative: 36.7%
  • Ho presentato anche istanze di deroga: 5.5%

Pensi che il metodo su cui si basa il Codice

  • Costituisca solo un nuovo approccio, senza particolari prospettive: 23.2%
  • Sarà vincente se verranno introdotte le RTV (Regole Tecniche Verticali): 43.8%
  • Sia innovativo anche solo per le RTO (regole tecniche orizzontali) a favore delle attuali attività non normate: 33%

Cosa proponi per migliorare il Codice e favorirne l’applicazione più diffusa?

  • È necessario un software per applicare correttamente ed agevolmente il metodo: 38.4%
  • Rendere il Codice obbligatorio e non alternativo alle attuali regole tecniche: 20.5%
  • Integrare quanto prima le RTV: 41.1%

Qual è il principale ostacolo alla diffusione del Codice come riferimento per la progettazione di prevenzione incendi?

  • E’ necessario del tempo per familiarizzare con il nuovo metodo: 64.5%
  • Resistenza al cambiamento da parte dei professionisti antincendio: 25.3%
  • Indifferenza o mancanza di riscontro favorevole da parte dei funzionari del Comando VVF: 18%
  • Riluttanza da parte dei committenti per l’incremento dei costi di progettazione: 48.3%

Pensi che la formazione offerta dagli Ordini possa aiutare i professionisti antincendio nella comprensione ed applicazione del Codice ?

  • SI: 87.2%
  • NO: 12.8%

Esprimi un suggerimento per migliorare il Codice e favorirne l’applicazione

  • Molti tecnici ritengono che sia necessario utilizzare software a supporto della progettazione antincendi

Software di prevenzione incendi

Tra i software di prevenzione incendi per il supporto dei tecnici sulla regola tecnica orizzontale segnaliamo AntiFuocus.

AntiFuocus offre tutti gli strumenti per definire strategie antincendio conformi alla Regola Tecnica Orizzontale di Prevenzione Incendi:

  • elenco delle attività alle quali è applicabile il nuovo decreto 3 agosto 2015
  • linea guida per ogni attività secondo i punti della normativa
  • strategia antincendio conforme al D.M. 3 agosto 2015
    • reazione al fuoco (S.1)
    • resistenza al fuoco (S.2)
    • compartimentazione (S.3)
    • esodo (S.4)
    • gestione della sicurezza antincendio (S.5)
    • controllo incendio (S.6)
    • rilevazione e allarme (S.7)
    • controllo di fumi e calore (S.8)
    • operatività antincendio (S.9)
    • sicurezza impianti tecnologici (S.10)
  • individuazione di aree a rischio specifico, vani ascensori, area con rischio di formazione di atmosfere esplosive, ricadenti nella sezione Regole Tecniche Verticali R.T.V. del decreto 3 agosto 2015
  • definizione del profilo di rischio dell’attività (Rischio Bene – Rischio Ambiente) e dei singoli compartimenti (Rischio Vita)
  • verifica delle strutture secondo quanto indicato dal decreto 3 agosto 2015 per pareti, solai ed elementi portanti
  • possibilità di aggiungere strutture già verificate con modo sperimentale e analitico
  • definizione dei piani radianti e delle piastre radianti per il calcolo tabellare e analitico delle distanze di separazione

 

Clicca qui per scaricare AntiFuocus

Clicca qui per scaricare lo speciale BibLus-net sulla prevenzione incendi

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *