Nell’appalto concorso gli oneri per la sicurezza del progetto-offerta possono essere inferiori a quelli del bando

In un appalto concorso l’offerta del concorrente è composta dal progetto definitivo redatto sulla base del progetto preliminare posto a base di gara stilato dalla Stazione Appaltante.

In un appalto concorso l’offerta del concorrente è composta dal progetto definitivo redatto sulla base del progetto preliminare posto a base di gara stilato dalla Stazione Appaltante.
In tal caso l’offerta può prevedere un importo relativo agli oneri di sicurezza, inferiore a quello indicato dalla Stazione appaltante nel bando di gara.
Questo, in sintesi, è quanto confermato dal Consiglio di Stato con il pronunciamento n. 4378/2008.
I magistrati ritengono che nel caso dell’appalto concorso il bando indica come presunto l’importo individuato quale base d’asta (comprensivo anche degli oneri di sicurezza) e rimette al singolo offerente la definizione di tale importo in fase di stesura del progetto esecutivo.
Ciò è certamente giustificato dalla peculiarità della procedura che affida al concorrente la stesura della progettazione definitiva ed all’aggiudicatario la progettazione esecutiva.
Si può infatti verificare che le varianti migliorative, inserite durante la progettazione definitiva ed esecutiva, determinino l’attenuazione degli oneri stessi rispetto all’importo indicativamente riportato nel progetto preliminare messo a concorso.
Conseguentemente – proseguono i magistrati – l’indicazione nell’offerta di oneri per la sicurezza in misura inferiore rispetto a quanto indicativamente specificato nel bando di gara, non si traduce in un inammissibile ribasso relativamente agli oneri stessi, bensì in una concreta determinazione di essi conforme alla loro incidenza effettiva, ragguagliata ai contenuti specifici dell’offerta.
Sarà compito della commissione aggiudicatrice verificare anche la congruità, tra l’altro, degli oneri di sicurezza individuati dalle singole partecipanti.

Clicca qui per scaricare la decisione del Consiglio di Stato

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *