Movimentazione manuale dei carichi, le nuove regole per la Lombardia

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Movimentazione manuale dei carichi, la Regione Lombardia ha pubblicato il decreto con le nuove regole per la valutazione dei rischi


Il testo unico sulla sicurezza (D.Lgs. 81/2008) al Titolo VI e all’Allegato XXXIII dispone la valutazione del rischio per i lavoratori legato alla movimentazione manuale dei carichi.

In particolare occorre effettuare la valutazione del rischio per le diverse azioni:

  • sollevamento e trasporto
  • spinta e traino 
  • azioni ripetitive degli arti superiori

Al riguardo, la Regione Lombardia ha pubblicato il decreto n.7661 del 23 settembre 2015, “Linee Guida Prevenzione Patologie Muscolo Scheletriche connesse con movimenti e sforzi ripetuti“,  che regolamenta la materia della movimentazione manuale dei carichi.

Il decreto, che entra in vigore il giorno 8 ottobre 2015, stabilisce i criteri con cui effettuare la valutazione, con la definizione di una prima fase denominata “valutazione rapida” (quick assessment) ed una “valutazione approfondita” in caso di risultati dubbi.

Vengono, inoltre, introdotti nuovi criteri per la sorveglianza sanitaria e le periodicità, che risulta variabile in funzione delle fasce di rischio.

I contenuti sono i seguenti:

  • brevi riferimenti normativi
  • le patologie di interesse
  • il campo di applicazione
  • l’identificazione dei lavori ripetitivi e la valutazione rapida del rischio
  • la stima dell’esposizione e la valutazione del rischio
  • la sorveglianza sanitaria
  • gli aspetti medico-legali
  • orientamenti per la (ri)progettazione del lavoro e dei posti di lavoro con compiti ripetitivi
  • criteri per il reinserimento lavorativo di soggetti portatori di patologie muscolo-scheletriche degli arti superiori sulla base di prime esperienze applicative

 

Clicca qui per scaricare le linee guida sulla movimentazione manuale dei carichi, Regione Lombardia

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *