Modello Unico Dichiarazione ambientale (MUD) per il 2020

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Riconfermato il Modello Unico di Dichiarazione ambientale (MUD) per l’anno 2020. Ecco i moduli con le istruzioni per la compilazione

Il Modello Unico di Dichiarazione ambientale (MUD), contenuto in un DPCM pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 45/2019, è stato riconfermato per il 2020 e sarà utilizzato per le dichiarazioni da presentare entro il 30 aprile 2020.

Rimangono immutate le informazioni da comunicare, le modalità per la trasmissione, nonché le istruzioni per la compilazione del modello.

Il Modello Unico di Dichiarazione ambientale

Ricordiamo che il Modello Unico, istituito con la Legge n. 70/1994, è un modello attraverso il quale devono essere denunciati i rifiuti prodotti dalle attività economiche, quelli raccolti e trasportati e quelli smaltiti e, avviati al recupero, nell’anno precedente la dichiarazione.

Il modello va presentato, di norma, entro il 30 aprile di ogni anno.

La Legge n.70/1994

Ricordiamo che la legge 70/1994 prevede che tutti gli obblighi di dichiarazione, di comunicazione, di denuncia, di notificazione previsti dalle leggi, dai decreti, e dalle relative norme di attuazione in materia ambientale, sanitaria e di sicurezza pubblica, siano soddisfatti attraverso la presentazione di un Modello Unico di Dichiarazione ambientale, alla Camera di commercio, Industria ed Artigianato e Agricoltura competente per territorio, in cui ha sede l’unità locale cui si riferisce la dichiarazione.

Deve essere presentato, per via telematica, un MUD per ogni unità locale che sia obbligata, dalle norme vigenti, alla presentazione di dichiarazione, di comunicazione, di denuncia, di notificazione.

Il DPCM del 2018

Il Decreto del Presidente del Consiglio del 24 dicembre 2018, pubblicato sulla Gazzetta n. 45 del 22 febbraio 2019, contiene i modelli e le istruzioni per la presentazione del Modello Unico di dichiarazione ambientale.

Le novità in termini di adempimenti introdotte con il DPCM, sono:

  1.  Tutti i soggetti in possesso di autorizzazione allo svolgimento di attività di recupero o smaltimento rifiuti dovranno comunicare, tramite la scheda SA-AUT, una serie di informazioni relative alle autorizzazioni;
  2. La Comunicazione Rifiuti Semplificata dovrà essere compilata esclusivamente utilizzando l’applicazione disponibile sul sito Comunicazioni Rifiuti Semplificata e non potrà essere compilata manualmente e spedita a mezzo posta;
  3. Il Conai dovrà comunicare, per via telematica, alla Sezione nazionale del Catasto dei rifiuti i dati sull’utilizzo annuale di borse di plastica di materiale leggero, acquisiti dai produttori e dai distributori di borse di plastica, in attuazione di quanto previsto dall’articolo 220-bis del decreto legislativo n. 152/2006, recante “Obbligo di relazione sull’utilizzo delle borse di plastica”.

Il decreto del 2018 contiene i modelli e le istruzioni per la presentazione delle seguenti comunicazioni:

  1. Comunicazione Rifiuti
  2. Comunicazione Veicoli Fuori Uso
  3. Comunicazione Imballaggi, composta dalla Sezione Consorzi e dalla Sezione Gestori Rifiuti di imballaggio
  4. Comunicazione Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche
  5. Comunicazione Rifiuti Urbani, Assimilati e raccolti in convenzione
  6. Comunicazione Produttori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche

Allegati al DPCM 2018

Nel decreto sono presenti i 4 allegati:

  • Allegato 1, suddiviso nei seguenti paragrafi:
  1. Articolazione del modello Unico
  2. Istruzioni per la compilazione, soggetti obbligati
  3. Presentazione del modello
  4. Comunicazione rifiuti semplificata
  5. Sezione anagrafica
  6. Comunicazione rifiuti
  7. Comunicazione veicoli fuori uso
  8. Comunicazione imballaggi
  9. Comunicazione RAEE
  10. Comunicazione Rifiuti Urbani e Assimilati
  11. Comunicazione Produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche
  • Allegato 2: Modulo
  • Allegato 3: Schede e moduli specifici
  • Allegato 4: Indicazioni per la presentazione, caratteristiche del file di esportazione

 

itacus

Clicca qui per scaricare il DPCM del 2018 con gli allegati ed i modelli

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *