Come si attesta la classe di rischio sismico: ecco il modello editabile di asseverazione

Pubblicate le regole per attestare la classe di rischio sismico. Ecco il modello editabile di asseverazione classificazione sismica delle costruzioni

Il MIT ha pubblicato il decreto che definisce le regole per la classificazione sismica delle costruzioni, al fine accedere al sisma-bonus.

In questo articolo analizziamo come si attesta la classe di rischio sismico e proponiamo il modello di asseverazione.

Come si attesta la classe di rischio sismico

L’efficacia degli interventi finalizzati alla riduzione del rischio sismico è attestata dai professionisti incaricati della progettazione strutturale, direzione dei lavori delle strutture e collaudo statico, in possesso di:

  • laurea in ingegneria
  • laurea in architettura
  • iscrizione ai relativi ordini di appartenenza

Relativamente al miglioramento di classe a seguito dell’intervento, il progettista dell’intervento strutturale deve asseverare:

  1. la classe di rischio dell’edificio pre-intervento
  2. la classe di rischio conseguibile dell’edificio post intervento

Le classi sismiche vanno attestate mediante opportuno modello di asseverazione.

Di seguito proponiamo l’apposito modello di asseverazione.

ASSEVERAZIONE CLASSI DI RISCHIO SISMICO

art. 4 comma 1 del decreto ministeriale MIT

CLASSIFICAZIONE SISMICA DELLA COSTRUZIONE

Situata nel COMUNE DI _____________________________________________________________

al/ai seguente/i indirizzo/i __________________________________________________________

riportata al Catasto al Foglio n. ____________ Particella/e _____________ Sub. n. _____________

 

Coordinate geografiche di 2 spigoli opposti della costruzione (WGS84 – gradi decimali – fuso 32-33)
Spigolo 1 Lat. ________________________ Long. _____________________ Fuso ____________
Spigolo 2 Lat. ________________________ Long. _____________________ Fuso _____________

__________________________________________________________

Il sottoscritto ing./arch. ____________________________________________________________________

nato a _________________________________________ residente a _______________________________

in _________________________________________ n. _____ C.F. _________________________________

iscritto all’Ordine ________________________ della Prov. di _____________________________________

  1. iscriz. __________, consapevole delle responsabilità penali e disciplinari in caso di mendace dichiarazione,

PREMESSO

  • che è in possesso dei requisiti richiesti dall’art. 3 del decreto ministeriale MIT ________
  • che opera nella qualità di tecnico incaricato di effettuare (1):
    • la Classificazione del rischio sismico dello stato di fatto della costruzione sopta individuata;
    • il progetto per la riduzione del Rischio sismico della costruzione sopra indicata e la relativa Classificazione del Rischio sismico conseguente l’intervento progettato;

ASSEVERA

LA SEGUENTE DICHIARAZIONE

Dalle analisi della costruzione emerge quanto segue:

STATO DI FATTO (prima dell’intervento):

  • Classe di Rischio della costruzione (2): A+      A         B        C       D       E       F       G
  • Valore dell’indice di sicurezza strutturale (IS-V)(3): ____________%
  • Valore della Perdita Annua Media (PAM)(3): ____________%
  • Linea Guida utilizzata come base di riferimento per le valutazioni, approvata con D.M. n. _____ del ___/___/_______; successivi aggiornamenti del ___/___/_______
  • Classe di rischio attribuita utilizzando il metodo: convenzionale             semplificato
  • si allega la relazione illustrativa dell’attività conoscitiva svolta e dei risultati raggiunti

STATO CONSEGUENTE L’INTERVENTO PROGETTATO(4)

  • Classe di Rischio della costruzione: A+      A        B        C        D       E      F       G
  • Valore dell’indice di sicurezza strutturale (IS-V): ____________%
  • Valore della Perdita Annua Media (PAM): ____________%
  • Linea Guida utilizzata come base di riferimento per le valutazioni, approvata con D.M. n. _____ del ____________________; successivi aggiornamenti del ____________________
  • Classe di rischio attribuita utilizzando il metodo:   convenzionale             semplificato
  • estremi del Deposito/Autorizzazione al Genio Civile, ai sensi delle Autorizzazioni din zona sismca, n. __________ del ____________________
  • si allega la relazione illustrativa dell’attività conoscitiva svolta e dei risultati raggiunti. inerenti la valutazione relativa alla situazione post-intervento

EFFETTO DELLA MITIGAZIONE DEL RISCHIO CONSEGUITO MEDIANTE L’INTERVENTO PROGETTATO(4)

Gli interventi strutturali progettati consentono una riduzione del rischio sismico della costruzione ed il passaggio di un numero di Classi di Rischio, rispetto alla situazione ante operam, pari a:

  1. 1 classe n. 1 classe

Data __________________                                                             Timbro e firma

 

 

 

(1) Barrare la casella o le caselle di interesse

(2) Alla lettere che identifica la Classe di Rischio aggiungere il simbolo (*) se attribuita con il metodo semplificato.

(3) Da omettere per attribuzioni effettuate con il metodo semplificato.

(4) Sezione da compilare quando si attribuisce la Classe di Rischio in conseguenza della redazione di un progetto di intervento strutturale.

 

Clicca qui per scaricare il modello di asseverazione PDF compilabile

Scopri EdiLus-CRS, la web app gratuita per la classificazione di rischio sismico degli edifici

 


Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

5 commenti
  1. Agostino
    Agostino dice:

    L’asseverazione viene emessa ai sensi dell’art. 4 comma 1 di quale Decreto Ministeriale ?
    Non mi sembra né il nr. 58 né il nr. 65. Mi sbaglio?

    Rispondi
      • Marco
        Marco dice:

        Ma il d.m. n.58 all’articolo 4 fa riferimento alla commissione di monitoraggio; nel dettaglio al comma 1 si parla dell’istituzione della commissione…

        Rispondi
        • Nicola Furcolo
          Nicola Furcolo dice:

          In realtà, il dm 58/2017 menziona l’asseverazione all’art. 3 comma 2, mentre il modello di asseverazione contenuto nell’allegato B al decreto riporta art. 4 comma 1.
          Si tratta di un refuso normativo che comunque non crea grossi problemi (andrebbe sostituito nel modello “art. 4 comma 1” con “art. 3 comma 2”

          Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *