Milleproroghe

Milleproroghe 2016, varato dal Governo il dl con le proroghe di fine anno

Milleproroghe 2016: ecco le novità nel decreto legge approvato dal Consiglio dei ministri. Tra le misure il rinvio in materia di appalti, Sistri, Equitalia, etc.

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il 23 dicembre 2015 il decreto legge recante disposizioni urgenti in materia di proroga termini, il Milleproroghe 2016.

Ecco alcune delle principali proroghe previste nel nuovo Milleproroghe, diventato ormai una consuetudine di fine anno.

 Sistri

Prorogato fino al 31 dicembre 2016 il termine per l’adeguamento al Sistri (Sistema informatico di controllo della tracciabilità dei rifiuti) e per i grandi impianti di combustibili che devono adeguarsi ai nuovi limiti di emissione. La proroga per l’adeguamento è consentita a coloro che chiedono una deroga entro la fine di quest’anno.

Prorogato al 1° gennaio 2017 il termine per l’applicazione dei limiti di emissione per gli impianti industriali per consentire l’aggiornamento dell’autorizzazione.

Appalti

Previste proroghe in materia di normative relative ai requisiti tecnici ed economici per la partecipazione a gare d’appalto e lavori pubblici:

  • l’anticipo del 20% all’appaltatore è prorogato fino al 30 giugno 2016
  • prorogata al 1°gennaio 2017 l’entrata in vigore della norma sulla pubblicazione telematica di avvisi e bandi di gara (resta in vigore per un altro anno l’obbligo di pubblicazione dei bandi sui giornali)

Edilizia scolastica

Slittato al 31 dicembre 2016 il termine ultimo per l’utilizzo delle risorse in materia di edilizia scolastica. Prorogato invece al 30 aprile 2016 il termine per l’affidamento dei lavori di messa in sicurezza degli edifici scolastici; prorogato, inoltre, al 31 dicembre 2016 il termine di attuazione delle vigenti disposizioni legislative e regolamentari in materia di prevenzione incendi per l’edilizia scolastica.

Piccoli Comuni

Slittato al 31 dicembre 2016 il termine per la gestione associata delle funzioni fondamentali da parte dei piccoli Comuni (stabiliti dal decreto legge 78/2010).

Autocertificazioni cittadini non europei

Slittato al 31 dicembre 2016 il termine a partire dal quale i cittadini di Stati non appartenenti all’Unione europea, regolarmente soggiornanti in Italia, potranno utilizzare le autocertificazioni.

Distretti turistici

Prorogato al 30 giugno 2016 il termine per la delimitazione dei distretti turistici per rilanciare l’offerta turistica da parte delle Regioni.

Equitalia

Prorogata al 30 giugno 2016 la possibilità dei Comuni di avvalersi di Equitalia (che avrebbe dovuto finire di riscuotere i tributi locali dal 1° gennaio del 2012) per l’accertamento, la liquidazione e la riscossione dei tributi locali.

Vendita giornali

Prorogato al 31 dicembre 2016 il termine a decorrere dal quale è prevista l’obbligatorietà della tracciabilità di vendite e rese di giornali, quotidiani e periodici attraverso l’utilizzo di strumenti informatici.

Credito d’imposta

Esteso il credito d’imposta agli anni 2015, 2016 e 2017.

Pubbliche Amministrazioni

Prorogato di un anno, fino al 31 dicembre 2016, il termine per assunzioni di personale a tempo indeterminato relative alle cessazioni verificatesi negli ultimi anni, nel rispetto dei vincoli previsti dal turn over, da parte delle Amministrazioni dello Stato, Agenzie, Enti pubblici non economici ed Enti pubblici (previsti dall’articolo 70 del decreto legislativo 165/2001), nonché da parte dei Corpi di Polizia, del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco, delle Università statali e degli Enti di ricerca con i limiti di spesa previsti.

Giustizia amministrativa

Prorogato di 6 mesi il termine a partire dal quale tutti gli atti e i provvedimenti del giudice, dei suoi ausiliari, del personale degli uffici giudiziari e delle parti vengono sottoscritti con firma digitale e della relativa sperimentazione del processo telematico.

 

Clicca qui per scaricare il Milleproroghe 2016

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

2 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *