Migliorie in corso d’opera per prima casa: IVA al 4%

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 22/E del 22 febbraio 2011, ha chiarito che l’IVA agevolata al 4% va applicata anche in caso di migliorie richieste in corso d’opera

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 22/E del 22 febbraio 2011, ha chiarito che l’IVA agevolata al 4% va applicata anche in caso di migliorie richieste in corso d’opera, a patto che sussistano le seguenti condizioni:

  • realizzazione del fabbricato ex novo;
  • destinazione prima casa;
  • fabbricato non di lusso.

L’Agenzia, in risposta al quesito presentato da un socio di una cooperativa edilizia che aveva commissionato in corso d’opera interventi edili aggiuntivi migliorativi extra-capitolato, ha ricordato che “il DPR 26 ottobre 1972, n. 633 prevede al numero 36) della Tabella A, parte seconda, che l’aliquota del 4% si applica alle prestazioni di servizi dipendenti da contratti di appalto relativi alla costruzione dei fabbricati di cui all’art. 13 della L. 2 luglio 1949, n. 408, e successive modificazioni, effettuate nei confronti di soggetti che svolgono l’attività di costruzione di immobili per la successiva vendita, ivi comprese le cooperative edilizie e loro consorzi, anche se a proprietà indivisa o di soggetti per i quali ricorrono le condizioni richiamate nel numero 21), nonché alla realizzazione delle costruzioni rurali di cui al numero 21-bis).”

Il regime agevolato spetta nelle sole ipotesi di contratti di appalto aventi ad oggetto la realizzazione ex novo di fabbricati a destinazione abitativa non di lusso. Committenti dei lavori possono essere rispettivamente imprese costruttrici per la rivendita, cooperative edilizie e loro consorzi nonché persone fisiche in possesso dei requisiti “prima casa”.

Per tale motivo, considerato che il socio che richiede le migliorie è in possesso dei requisiti per fruire dell’agevolazione prima casa, alle relative prestazioni è applicabile l’aliquota del 4%.

Clicca qui per scaricare la Risoluzione 22/E dell’Agenzia delle Entrate

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

2 commenti
  1. angelo
    angelo dice:

    Salve ho da porre il seguente quesito: Per motivi di lavoro sono costretto a cambiare residenza dalla Sicilia al Piemonte. In Sicilia sono proprietario di abitazione ” Prima Casa” o “Abitazione Principale” che venderò per acquistare in Piemonte, con le stesse caratteristiche. Mi spettano le agevolazioni di acquisto prima casa / abitazione principale, visto che avrò la residenza e la dimora abituale in quella Regione? Ossia, avrò l’agevolazione sulle imposte e sull’iva, avendo già usufruito di detti sgravi in Sicilia per la casa in vendita? Grazie

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *