Locazioni immobiliari e fisco: la guida pratica ANCE

L’ANCE ha pubblicato la guida pratica sulla fiscalità in edilizia dedicata alle locazioni immobiliari: i fabbricati, i locatari, le imposte, la cedolare secca e tanto altro

L’ANCE (Associazione Nazionale Costruttori Edili) ha pubblicato una guida pratica sulla fiscalità in edilizia dal titolo:”Locazioni immobiliari e Fisco. Guida pratica 2019″.

Secondo l’Associazione:

i continui mutamenti che hanno interessato, negli ultimi anni, la fiscalità immobiliare, hanno reso sempre più complicato, sia per l’operatore privato che per il soggetto esercente attività d’impresa, determinare l’esatto costo fiscale di un investimento immobiliare, elemento, invece, decisivo per qualsiasi scelta di allocazione del risparmio.

La nuova guida fiscale riepiloga il sistema impositivo cui sono sottoposte le locazioni immobiliari, sotto il duplice profilo delle imposte dirette (IRPEF/IRES) e delle imposte indirette (REGISTRO/IVA).

Il documento evidenzia il diverso regime fiscale applicabile a seconda della tipologia dell’immobile oggetto delle operazioni (abitazione o fabbricato strumentale, in base alla relativa categoria catastale), nonché avendo particolare riguardo alla natura del soggetto locatore (sia esso un privato o un’impresa) si propone quale strumento operativo di semplice ed immediata consultazione.

La guida ance sulle locazioni immobiliari

Per l’ANCE la crisi che ha colpito il settore immobiliare e le difficoltà di accesso alla proprietà, hanno indirizzato sia i privati investitori che i soggetti esercenti attività d’impresa, verso un nuovo concetto di “abitare”, con una domanda sempre più vigorosa di abitazioni in locazione.

Ciò si deve al combinarsi di diversi fattori:

  • crescita economica non stabilizzata;
  • accesso al credito decisamente selettivo;
  • politiche fiscali disincentivanti, specialmente sul tema della seconda casa;
  • stock immobiliare datato che non soddisfa l’utenza finale.

Un altro aspetto da sottolineare, è il cambiamento demografico in atto: l’Italia sta subendo un progressivo invecchiamento della popolazione.

In una realtà in continua evoluzione, si rende, dunque, necessaria una politica fiscale che sappia rispondere alle nuove esigenze abitative e, con esse, ad un incremento della domanda nel comparto delle locazioni residenziali, che, ad oggi, né il mercato privato, né l’edilizia residenziale pubblica sono in grado di soddisfare.

Agli aspetti sociali ed economico finanziari affianca, inoltre, aspetti architettonici ed urbanistici, in quanto interviene attraverso:

  • la costruzione e l’adeguamento di alloggi sociali economicamente accessibili;
  • la ridefinizione dell’esistente, giocando così un ruolo strategico nella riqualificazione di aree della città altrimenti dismesse o degradate, senza alcun ulteriore “consumo” di suolo.

Fabbricati abitativi

Per le locazioni, il regime fiscale è differenziato a seconda della tipologia di immobile oggetto delle stesse, ossia se si tratta di fabbricati abitativi ovvero di fabbricati strumentali.

Un’ulteriore distinzione si determina sulla base della natura del soggetto locatore.

Le locazioni da privati

La guida inoltre illustra la tassazione dei contratti di locazione di abitazioni, poste in essere da persone fisiche, sotto il duplice profilo delle imposte dirette (IRPEF) e delle imposte indirette (imposta di Registro).

 

estimus
estimus

 

Clicca qui per scaricare la guida ANCE


Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *