Locali caldaia e trattamento acqua impianti per la climatizzazione: due nuove norme UNI

Dal 18 luglio in vigore la UNI/TR 11752:2019 – Locali destinati al posizionamento di generatori di vapore e/o acqua calda e la UNI 8065:2019 – Trattamento dell’acqua negli impianti per la climatizzazione invernale ed estiva

Sono entrate in vigore dal 18 luglio sorso due nuove norme UNI (ente italiano di normazione):

  • la UNI/TR 11752:2019 – Locali destinati al posizionamento di generatori di vapore e/o acqua surriscaldata e delle attrezzature ausiliarie
  • la UNI 8065:2019  Trattamento dell’acqua negli impianti per la climatizzazione invernale ed estiva, per la produzione di acqua calda sanitaria e negli impianti solari termici

UNI/TR 11752:2019

Il rapporto tecnico fornisce indicazioni sulle caratteristiche dei locali in cui sono allocati generatori di vapore e/o di acqua surriscaldata e le eventuali attrezzature accessorie in relazione al rischio derivante dall’esercizio in pressione.

Si applica ai locali chiusi e, ove pertinente, a quelli aperti nei quali sono allocati i generatori.

Sono esclusi dal campo di applicazione del rapporto tecnico i locali che ospitano:

  • generatori con pressione massima ammissibile (PS) non superiore a 0,5 bar
  • generatori il cui volume complessivo sia inferiore o uguale a 25 litri e la cui pressione massima ammissibile non superi 32 bar
  • generatori di vapore d’acqua o di acqua surriscaldata per i quali il prodotto della pressione ammissibile per il volume complessivo non superi i 300 bar x L e la cui pressione non superi i 10 bar
  • generatori aventi volume minore o uguale a 5 litri indipendentemente dal valore di PS, e comunque generatori aventi potenza termica nominale inferiore o uguale a 35 kW a condizione che siano installati singolarmente e non in batteria.

UNI 8065:2019

La norma nello specifico fornisce la definizione e la determinazione delle caratteristiche chimiche e chimico-fisiche delle acque impiegate negli impianti per la climatizzazione invernale e/o estiva e/o per la produzione di acqua calda sanitaria, con temperatura massima di 110°C e negli impianti solari termici per la climatizzazione invernale e/o estiva e/o per la produzione di acqua calda sanitaria.

Inoltre si forniscono:

  • una descrizione dei sistemi di trattamento dell’acqua
  • le modalità di controllo nonché le relative frequenze.

La  norma ha lo scopo di:

  • fissare i limiti dei parametri chimici e chimico-fisici delle acque negli impianti in oggetto per ottimizzarne il rendimento e la sicurezza, per preservarli nel tempo, per
    assicurare duratura regolarità di funzionamento anche alle apparecchiature ausiliarie e per minimizzare i consumi energetici integrando così leggi e norme vigenti
  • dare indicazioni per una corretta progettazione e installazione dei sistemi di trattamento dell’acqua
  • dare indicazioni per il lavaggio e la messa in servizio degli impianti di nuova realizzazione o modificati
  • dare indicazioni per il risanamento di impianti esistenti, per esempio con problemi di incrostazione, corrosione o crescite biologiche
  • indicare i metodi di controllo per una corretta gestione dei sistemi di trattamento dell’acqua anche durante i periodi di arresto
  • fornire le indicazioni minime per la corretta messa in servizio, gestione e manutenzione dell’impianto.

Sono escluse dal campo di applicazione della presente norma le reti di teleriscaldamento/teleraffrescamento come definite dalla legislazione vigente.

 

Clicca qui per scaricare la UNI/TR 11752:2019

Clicca qui per scaricare la  UNI 8065:2019

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *