Linee guida per l’affidamento dei servizi di architettura ed ingegneria: le precisazioni degli architetti

Il Cnappc invita le stazioni appaltanti a vigilare sulla corretta applicazione delle norme per l’affidamento dei servizi di ingegneria e architettura, rispettando gli atti indirizzo dell’Anac.

Al fine di consentire una corretta aggiudicazione degli incarichi di progettazione, l’Anac ha recentemente emanato le nuove Linee guida per l’affidamento dei servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria (V. articolo “Affidamento dei servizi di architettura e ingegneria”).

Con la Circolare 36 del 16 marzo 2015, il Cnappc (Consiglio nazionale degli architetti) invita le stazioni appaltanti a vigilare sulla corretta applicazione delle norme per l’affidamento dei servizi di ingegneria e architettura, rispettando gli atti indirizzo dell’Anac.
In particolare, vengono sottolineati i seguenti punti:

  • Decreto Parametri bis: applicare il Decreto Parametri bis per calcolare l’importo da porre a base di gara
  • appalti integrati: calcolare il compenso del professionista anche nelle procedure in appalti integrati
  • micro-settori professionali: non è prevista alcuna creazione di micro-settori professionali in quanto le attività svolte per opere analoghe a quelle oggetto dei servizi da affidare sono da ritenersi idonee a comprovare i requisiti quando il grado di complessità sia almeno pari a quello dei servizi da affidare
  • requisiti di fatturato: si ricorre al requisito del fatturato solo con apposita motivazione indicata nel bando e sono da ritenere congrui i requisiti con fatturato pari al doppio dell’importo del servizio in gara, in linea con i nuovi orientamenti comunitari
  • requisiti di organico: il requisito del numero di unità fissate nel bando di gara può essere raggiunto mediante la costituzione di un raggruppamento temporaneo di professionisti
  • cauzione: le stazioni appaltanti non possono richiedere alcuna cauzione per partecipare ad una gara avente ad oggetto la redazione della progettazione e del piano di sicurezza
  • concorsi di progettazione o di idee: è necessario adottare criteri di valutazione esclusivamente qualitativa, almeno nella fase di prequalifica
  • progettazione di immobili di interesse storico artistico sottoposti a vincoli culturali: la progettazione è riservata agli architetti

Clicca qui per scaricare la Circolare Cnappc 16 marzo 2015, n. 36

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *