Pubblicate in Gazzetta le linee guida Anac n. 6 sui motivi di esclusione dalle gare

Pubblicate in Gazzetta le linee guida Anac n. 6 – motivi di esclusione dalle gare – dopo l’aggiornamento post-correttivo: allargato il campo degli illeciti professionali

A seguito dell’approvazione del correttivo Appalti dlgs 19 aprile 2017, n. 56 e delle richieste di chiarimenti pervenute, l’Anac ha ritenuto aggiornare alcune linee guida e le ha sottoposte a consultazione pubblica.

Tra le linee guida aggiornate ci sono anche le linee guida n. 6, recanti: indicazione dei mezzi di prova adeguati e delle carenze nell’esecuzione di un precedente contratto di appalto che possano considerarsi significative per la dimostrazione delle circostanze di esclusione di cui all’art. 80, comma 5, lett. c).

Il documento è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 260 del 7 novembre 2017, dopo deliberazione n. 1008 dell’11 ottobre 2017, a seguito del parere del Consiglio di Stato, che ha esercitato le proprie funzioni consultive in relazione al testo aggiornato delle suddette linee guida.

Motivi di esclusione dalle gare d’appalto

L’art. 80 del dlgs n. 50/2016, rubricato “motivi di esclusione”, reca l’elenco dei requisiti di carattere generale (o di idoneità morale) che devono possedere sia i concorrenti che i subappaltatori.

Tra essi, viene qui in rilievo la causa di esclusione di cui all’art. 80, comma 5, lett. c), consistente nel “grave illecito professionale”. In particolare, è testualmente previsto che la stazione appaltante esclude l’operatore economico quando essa “dimostri con mezzi adeguati che l’operatore economico si è reso colpevole di gravi illeciti professionali, tali da rendere dubbia la sua integrità o affidabilità.

Tra questi rientrano:

  • le significative carenze nell’esecuzione di un precedente contratto di appalto o di concessione che ne hanno causato la risoluzione anticipata, non contestata in giudizio, ovvero confermata all’esito di un giudizio, ovvero hanno dato luogo ad una condanna al risarcimento del danno o ad altre sanzioni
  • il tentativo di influenzare indebitamente il processo decisionale della stazione appaltante o di ottenere informazioni riservate ai fini di proprio vantaggio
  • il fornire, anche per negligenza, informazioni false o fuorvianti suscettibili di influenzare le decisioni sull’esclusione, la selezione o l’aggiudicazione
  • ovvero l’omettere le informazioni dovute ai fini del corretto svolgimento della procedura di selezione

Il parere del Consiglio di Stato

Di particolare rilievo è il giudizio che fornisce il Consiglio di Stato sull’ipotesi di esclusione per grave illecito professionale.

Lo schema di linee guida, l’ANAC rileva come gli “illeciti professionali gravi”  devono essere valutati dalle stazioni appaltanti ai fini dell’esclusione dalle gare.

Secondo i giudici di Palazzo Spada la stazione appaltante non può compiere alcuna autonoma valutazione, ma deve senz’altro procedere all’esclusione ai sensi della lett. b) del richiamato primo comma dell’art. 80; ritiene quindi sia opportuno specificare che la condanna non definitiva possa acquisire rilevanza quale “illecito professionale grave” e, quindi essere motivo di esclusione ai sensi ai sensi dell’art. 80, comma 5, lett. c).

Nell’ipotesi di condanna non definitiva, la stazione appaltante, in assenza dell’automatismo esistente ove la condanna sia definitiva, deve valutare se il fatto sia tale da rendere dubbia l’integrità o affidabilità dell’operatore economico e, in ragione di tale valutazione, deve motivare adeguatamente l’eventuale esclusione dalla gara.

 

Clicca qui per scaricare le linee guida Anac n. 6

Clicca qui per conoscere PriMus, il software per la contabilità lavori

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *