Efficientamento energetico e sviluppo sostenibile: i fondi 2020 per i Comuni con meno di 1000 abitanti

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Firmato il decreto con cui viene assegnato un finanziamento a fondo perduto destinato a tutti i Comuni con meno di 1000 abitanti per interventi di efficientamento energetico e sviluppo territoriale sostenibile

Il Ministro dello Sviluppo economico ha firmato il 2 luglio il decreto con cui viene assegnato un contributo a fondo perduto in favore di ciascuno dei 1.940 Comuni con meno di 1.000 abitanti, al fine di realizzare interventi di efficientamento energetico e sviluppo territoriale sostenibile.

La misura, prevista dall’art. 30 della legge Crescita (n. 58/2019), mette a disposizione complessivamente oltre 37 milioni di euro per l’anno 2020; ciascun Comune beneficiario dovrà avviare i lavori entro il 15 novembre 2020, pena la decadenza del contributo.

Per il 2020 l’importo erogato a ciascun Comune è pari a 19.329,89 euro.

Il decreto è in corso di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, mentre le modalità di fruizione del contributo saranno definite con un successivo provvedimento ministeriale.

Ricordiamo che la norma assegna contributi in favore dei Comuni, a valere sul Fondo Sviluppo e Coesione (FSC) per la realizzazione di progetti di:

  • efficientamento energetico – compresi interventi volti all’efficientismo dell’illuminazione pubblica, al risparmio energetico degli edifici di proprietà pubblica e di edilizia residenziale pubblica, nonché all’installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili;
  • sviluppo territoriale sostenibile – compresi interventi in materia di mobilità sostenibile, nonché interventi per l’adeguamento e la messa in sicurezza di scuole, edifici pubblici e patrimonio comunale e per l’abbattimento delle barriere architettoniche.

Interventi finanziabili

Gli interventi ammissibili al finanziamento, sono:

  • interventi volti all’efficientamento dell’illuminazione pubblica, al risparmio energetico degli edifici di proprietà pubblica e di edilizia residenziale pubblica;
  • interventi volti all’installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili;
  • interventi in materia di mobilità sostenibile;
  • interventi per l’adeguamento e la messa in sicurezza di scuole, edifici pubblici e patrimonio comunale;
  • interventi per l’abbattimento delle barriere architettoniche;
  • interventi volti allo sviluppo sostenibile.

Il finanziamento annuale previsto dalla legge Crescita

La legge Crescita inoltre prevede all’art. 14-bis. di:

stabilizzare i contributi in conto capitale ai comuni per interventi di efficientamento energetico e sviluppo territoriale sostenibile di cui al presente articolo, a decorrere dall’anno 2020 è autorizzata l’implementazione del programma pluriennale per la realizzazione dei progetti di cui al comma 1.

A partire dall’anno 2020, le effettive disponibilità finanziarie sono ripartite con decreto del MISE, tra i comuni con popolazione inferiore a 1.000 abitanti, assegnando a ciascun comune un contributo di pari importo.

In sostanza il Ministero ogni anno finanzierà, con apposito decreto, interventi di efficientamento energetico e sviluppo territoriale sostenibile nei Comuni con meno di 1.000 abitanti.

 

L’allegato 1 al decreto contiene l’elenco di tutti i Comuni italiani beneficiari.

Clicca qui per scaricare il decreto 2020 MISE

 

primus-c

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *