Le Stazioni Appaltanti hanno piena libertà nella redazione del bando di gara

Secondo il Consiglio di Stato le Stazioni Appaltanti hanno piena libertà di inserire nel bando di gara tutte le clausole ritenute più adeguate a raggiungere lo scopo che l’Ente si prefigge.

Secondo il Consiglio di Stato le Stazioni Appaltanti hanno piena libertà di inserire nel bando di gara tutte le clausole ritenute più adeguate a raggiungere lo scopo che l’Ente si prefigge.
Nella sentenza n. 4787 del 25 agosto 2003 la Sezione V afferma che sono da evitare soltanto clausole del tutto arbitrarie ed illogiche, in particolare se riferite ai fini perseguiti.

Documento Dimensione Formato
Sentenza del Consiglio di Stato n. 4787 del 25 agosto 2003 67 Kb ACCAreader

Attenzione: Per la visualizzazione del file in formato ACCAreader si richiede la presenza sul sistema di: ACCAreader ver. 5.00
Clicca sull’ immagine per effettuare gratuitamente il download del programma.

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *