Le nove regole vitali per chi lavora in quota

Dal SUVA una guida con le istruzioni fondamentali per prevenire i rischi di caduta dall’alto.

Le statistiche parlano chiaro: chi lavora in quota è quotidianamente esposto al pericolo di infortuni gravemente invalidanti o addirittura mortali.
Per lavorare su tetti e facciate in condizioni di sicurezza è necessario osservare alcune regole fondamentali.
Tenerne conto e ricordarle ai propri dipendenti diventa di vitale importanza.
È il messaggio contenuto nel vademecum “Nove regole vitali per chi lavora su tetti e facciate” realizzato dal SUVA.
La pubblicazione illustra, anche attraverso illustrazioni e schemi esplicativi, le principali misure di sicurezza da adottare quando si lavora su un’impalcatura o su un tetto.

Ne segnaliamo alcune a titolo di esempio:

  • Mettere in sicurezza le aperture nel tetto
  • Realizzare accessi sicuri
  • Ispezionare preventivamente i ponteggi per poter individuare eventuali pericoli
  • Utilizzare imbracatura e altri DPI solo previa e adeguata formazione

Ad integrazione del vademecum, rivolto ai datore di lavoro e strutturato come una sorta di check-list, è disponibile anche un’utile e agile guida operativa per i lavoratori.

Clicca qui per scaricare il Vademecun “Nove regole vitali per chi lavora su tetti e facciate”
Clicca qui per scaricare l’Opuscolo “Nove regole vitali per chi lavora su tetti e facciate”

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *