Nuove linee guida Abi sulla valutazione immobiliare

Pubblicate le linee guida Abi sulla valutazione immobiliare, che forniscono i principi per una stima trasparente e recepiscono le norme europee

L’andamento favorevole del mercato immobiliare nell’ultimo periodo e la necessità di una maggiore trasparenza del settore hanno reso sempre più importante il valore delle perizie immobiliari.

Al riguardo l’Abi (Associazione bancaria italiana), in collaborazione con i principali ordini nazionali delle professioni tecniche, ha pubblicato le nuove linee guida per le valutazioni degli immobili in garanzia delle esposizioni creditizie nell’ottica di:

  • concorrere a modernizzare il mercato italiano delle valutazioni, rendendolo più efficiente, dinamico ed integrato a livello europeo mediante l’aggiornamento a principi e standard, internazionalmente riconosciuti, che consentono di eseguire valutazioni degli immobili improntate a criteri di massima trasparenza, certezza ed economicità
  • tenere conto delle disposizioni di vigilanza previste dal Regolamento Ue n. 575/2013 del 26 giugno 2013 relativo ai requisiti prudenziali per gli enti creditizi nonché della Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio del 4 febbraio 2014, n. 17, in merito ai contratti di credito ai consumatori relativi a beni immobili residenziali

Il documento definisce gli standard da seguire per la determinazione del corretto valore di mercato degli immobili, individua la caratteristiche del perito idoneo ed elenca nei dettagli i 3 metodi principali di valutazione:

  • confronti di mercato
  • metodo finanziario
  • metodo dei costi

Inoltre, la guida riprende i principi degli standard internazionali Evs e Ivs.

 

Clicca qui per scaricare le nuove linee guida Abi per la valutazione immobiliare

Clicca qui per scoprire i dettagli su EsTimus

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *