La sicurezza sul lavoro nei cantieri stradali: il manuale operativo dell’INAIL

Il cantiere stradale presenta rischi elevati per i lavoratori e per le persone esterne a causa, oltre che della tipologia dei lavori, anche del traffico stradale interferente.
Le norme di prevenzione, per tali tipologie di lavori, sono complesse perché devono integrare aspetti di sicurezza e di salute nei luoghi di lavoro, contenuti nel D.Lgs. 81/2008 con le norme previste dal Codice della strada.

Il cantiere stradale presenta rischi elevati per i lavoratori e per le persone esterne a causa, oltre che della tipologia dei lavori, anche del traffico stradale interferente.
Le norme di prevenzione, per tali tipologie di lavori, sono complesse perché devono integrare aspetti di sicurezza e di salute nei luoghi di lavoro, contenuti nel D.Lgs. 81/2008 con le norme previste dal Codice della strada.
Con l’intento di fornire un supporto a imprese e tecnici per la valutazione dei rischi e per le misure di prevenzione da adottare, l’INAIL ha curato la redazione del volume “La sicurezza sul lavoro nei cantieri stradali – Manuale Operativo 2010”.
Nella valutazione dei rischi del cantiere stradale il datore di lavoro deve prendere in esame i rischi per la sicurezza:

  • dei lavoratori impegnati nel cantiere, sia negli aspetti specifici delle lavorazioni che per l’interferenza del traffico veicolare;
  • delle persone e dei veicoli che transitano nei pressi del cantiere stradale.

Prima della installazione del cantiere, devono essere pertanto valutate:

  • la tipologia di strada, la funzione territoriale assegnata e il tipo di traffico;
  • le possibili interazioni (o gli eventuali conflitti) tra le diverse componenti del traffico ammesso (es. mezzi pubblici e/o privati, residenti, pedoni, esercizi commerciali);
  • le interferenze con la viabilità esistente e con l’ambiente attraversato, con particolare riferimento agli insediamenti ed alle attività presenti o programmate nelle aree ad accessibilità diretta.

Rispetto all’interferenza tra cantiere di lavoro e la strada di transito devono essere valutati i rischi:

  • di investimento dei lavoratori che prestano l’attività lavorativa nel cantiere o nelle vicinanze
  • di investimento di persone estranee al cantiere (es. pedoni residenti, passanti, clienti di esercizi pubblici, ecc.) e la collisione con i veicoli in transito, da parte delle macchine operatrici
  • di investimento di persone e/o veicoli provenienti da accessi laterali alla zona di lavoro (es. proprietà private, parcheggi, ecc.)
  • di proiezione o caduta di materiale dall’alto durante particolari fasi lavorative
  • di caduta all’interno dello scavo presente ai margini del cantiere

Clicca qui per scaricare il testo dell Manuale Operativo INAIL – La sicurezza sul lavoro nei cantieri stradali

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *