La sicurezza elettrica nei Cantieri Edili

Gli effetti della corrente sul corpo umano, con particolare riferimento agli incidenti che hanno maggiore probabilità di accadere in un cantiere edile, sono oggetto di un approfondimento curato dal Collegio dei Periti Industriali della provincia di Udine dal titolo “La Sicurezza elettrica nei cantieri edili”.

Gli effetti della corrente sul corpo umano, con particolare riferimento agli incidenti che hanno maggiore probabilità di accadere in un cantiere edile, sono oggetto di un approfondimento curato dal Collegio dei Periti Industriali della provincia di Udine dal titolo “La Sicurezza elettrica nei cantieri edili”.
In presenza di un incidente di natura elettrica, si è abituati a far riferimento alla tensione quale causa dei danni; in realtà, anche se è la tensione è l’origine, chi produce direttamente i danni è la corrente.
Quando la corrente elettrica attraversa il corpo umano infatti, i danni conseguenti dipendono dal suo valore e dalla durata del fenomeno.
In letteratura tecnica è reperibile un grafico con una serie di curve (tempo di esposizione – corrente circolante) che delimita zone di pericolosità differenziata, in caso di contatto mano sinistra-piedi (percorso tra i più frequenti e pericolosi).

In base agli effetti sul corpo umano è possibile individuare dei livelli di intensità della corrente:

  • Livello 1: al di sotto di 0,5 mA la corrente elettrica non viene percepita (si tenga presente che una piccola lampada da 15 watt assorbe circa 70 mA);
  • Livello 2: la corrente elettrica viene percepita senza effetti dannosi;
  • Livello 3:si possono avere tetanizzazione e disturbi reversibili al cuore, aumento della pressione sanguigna, difficoltà di respirazione;
  • Livello 4: si può arrivare alla fibrillazione ventricolare e alle ustioni.

Gli effetti della corrente sul corpo umano:

  • Tetanizzazione: i muscoli rimangono contratti fino al cessare del passaggio della corrente elettrica. Il soggetto sembra attaccato alla parte in tensione, in quanto incapace di eseguire movimenti. Paradossalmente può accadere che valori più elevati di tensione provochino una violenta reazione del muscolo, tale da allontanare la persona dalla parte in tensione.
  • Arresto della respirazione: subentra per valori di corrente più elevati.
  • Fibrillazione ventricolare: il cuore funziona grazie a stimoli elettrici, pertanto una corrente elettrica esterna può alterare il suo funzionamento
  • Ustioni: la corrente elettrica riscalda le parti da lei attraversate.

Clicca qui per scaricare il testo “La sicurezza elettrica nei cantieri”

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *