La nuova guida dell’Agenzia delle Entrate sulle agevolazioni per il risparmio energetico

L’agevolazione fiscale consiste in una detrazione Irpef o Ires pari al 65% della spesa sostenuta (a tutto il 2015)da spalmare in 10 anni ed è concessa quando si eseguono interventi che aumentano il livello di efficienza energetica degli edifici esistenti.

In seguito ai recenti aggiornamenti legislativi su detrazioni fiscali e risparmio energetico (proroga detrazione del 65%, estensione dell’agevolazione ad altri interventi, aumento della ritenuta d’acconto sui bonifici, ecc. previsti dalla Legge Stabilità 2015), l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la nuova guida aggiornata a gennaio 2015.

Ricordiamo che l’agevolazione fiscale per la riqualificazione energetica consiste in una detrazione Irpef o Ires pari al 65% della spesa sostenuta (a tutto il 2015) da spalmare in 10 anni ed è concessa quando si eseguono interventi che aumentano il livello di efficienza energetica degli edifici esistenti.
Il limite massimo di spesa varia in base alla tipologia di intervento realizzato:

  • 100.000 euro per la riqualificazione energetica di edifici esistenti
  • 60.000 euro per interventi sull’involucro dell’edificio (per esempio, pareti, finestre, compresi gli infissi, su edifici esistenti)
  • 60.000 euro per l’installazione di pannelli solari
  • 30.000 euro per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale
  • 60.000 euro per l’acquisto e posa in opera delle schermature solari elencate nell’allegato M del D.Lgs. 311/2006 (solo per l’anno 2015)
  • 30.000 euro per l’acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili (solo per l’anno 2015)

Clicca qui per scaricare la guida Agevolazioni fiscali per il risparmio energetico

 

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *